È andata. E non è andata neppure male, considerando che per la concessione del nulla osta dalla Questura ci hanno chiesto di tornare più volte e che, comunque, ogni evento che si rispetti non può non avere la necessaria dose di imprevisti. L’iniziativa consisteva nello spiegare in piazza il ddl Gelmini e la piazza era il Largo Cairoli di Milano, anche se ne avremmo preferito qualcuna più centrale.

Al megafono si alternano studenti e ricercatori che illustrano le incoerenze della riforma: il quadro che ne scaturisce è desolante per l’ego di chi l’ha voluta e per le conseguenze di chi dovrà subirla.

Per la verità saremmo stati ben felici di accogliere qualcuno favorevole a questa rivoluzionaria riforma della scuola, non fosse altro per l’incensato contraddittorio che si pretende a prescindere dai fatti, ma l’unico relatore con questi requisiti ci ha chiesto di leggere le sue righe, essendo impossibilitato a partecipare al presidio.
Non l’abbiamo esaudito: ci sembrava eccessivo; dovrà accontentarsi, per la difesa del provvedimento legislativo, dei modesti mezzi televisivi che la compatta maggioranza ha ancora nelle sue disponibilità.

Al di là dell’ironia, è proprio questo il limite di questa iniziativa (che è in fondo anche un limite di questa democrazia): la consapevolezza di non potere raggiungere che un numero circoscritto di persone.

Ma sono contenta anche così: vedere dei giovani che, a dispetto del freddo e dell’indifferenza, vincono la timidezza e parlano al megafono, spiegando le ragioni di una protesta che, per quanto demonizzata, ha motivazioni più che valide, è consolante.
Oggi, in Senato, è stato discusso il ddl. Il nostro presidio non è certo servito a cambiare gli obiettivi di questo governo, né la mente dei tanti apatici presi dallo shopping milanese.

Ma a noi, pochi studenti, è servito ad uscire dalla rivolta da tastiera, dall’immobilismo virtuale: la partecipazione politica può partire da Internet, ma non può morire in Facebook, non si può fermare alla sola condivisione di notizie e pensieri. L’aveva capito e cantato, anni fa, Giorgio Gaber: “C’è solo la strada su cui puoi contare, la strada è l’unica salvezza. C’è solo la voglia, il bisogno di uscire di esporsi nella strada, nella piazza”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Perché Radio Padania soffia sul fuoco?

next
Articolo Successivo

Merito: tanti no al progetto Gelmini

next