“Andate a casa”, ha affermato dall’opposizione il segretario del Pd Pierluigi Bersani dopo l’ennesimo scandalo di Berlusconi e la minorenne Ruby. Bersani ha detto un secco “basta alle “questioni esoteriche del lodo Alfano e altre questioni, che non voglio titolare, che portano al centro le singolari abitudini del presidente del Consiglio” perché “il Paese ha problemi seri” e “merita di avere un presidente del Consiglio in grado di rappresentarlo con dignità e sobrietà e un Parlamento che non sia imbarazzato dalle sue questioni personali. Berlusconi, se è uno statista, dimostri senso di responsabilità, stacchi la spina al governo e si dimetta”.

“Chissà quante migliaia di fermati per furto ci sono nelle Questure – ha ironizzato ancora il leader del Pd -. Se è vero che Berlusconi ha buon cuore che fa, li lascia abbandonati così?”, chiude il leader democratico. Sulle dimissioni è d’accordo il compagno di partito, Dario Franceschini, il quale ha sottolineato che “in qualsiasi Paese la presidenza del Consiglio che interviene su una Questura è una cosa che, da sola, porterebbe alle dimissioni del presidente del Consiglio”.

“E’ ricattabile”, ha rimarcato il leader dell’Italia dei Valori Antonio Di Pietro in un’intervista a Radio Popolare: “In questa vicenda forse può non esserci nulla di penalmente rilevante a suo carico – ha ribadito -. Ma il problema è un altro. Si può affidare il paese a un personaggio più degno di stare all’osteria piuttosto che a palazzo Chigi?”.

Il presidente dei senatori dell’Idv Felice Belisario ha affermato che “ci sarà una ragione per cui Berlusconi vuole mettere il bavaglio all’informazione e non vuole le intercettazioni telefoniche. Evidentemente tra corruzione nel caso Mills, diritti televisivi e probabilmente un sexgate che sta scoppiando, Berlusconi vuole metterci sopra come al solito un coperchio”.

Non stupisce più, ha detto Claudio Fava, coordinatore nazionale di Sinistra e Libertà: “Pensavamo che Berlusconi non ci avrebbe più stupito, dopo il susseguirsi continuo di gaffes, volgarità, ossessioni, ostentazioni di pessimo gusto. Ma le danze tribali di Arcore e le telefonate in Questura sono oltre ogni immaginazione, a metà tra il Bagaglino e l’imperatore Nerone. Offendono ed affondano il nostro Paese, le sue Istituzioni, i suoi cittadini”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

C'era una volta la Sinistra

di Antonio Padellaro e Silvia Truzzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Sia buono, si dimetta

next
Articolo Successivo

Ruby: “Berlusconi mi ha sgridato”

next