Novantacinque persone alla sbarra, 200.000 pagine e 196 faldoni. Sono questi i numeri della nuova tangentopoli spagnola. Tradotto: appalti pubblici e corruzione. Si tratta del caso Malaya, come lo chiamano nella penisola iberica. Oggi pomeriggio alla Corte di Giustizia di Malaga è iniziato il processo. In sisnetsi: politici, personaggi dello spettacolo avevano dato vita a un giro di mazzette e concessioni edilizie. Proprio a Marbella, uno dei centri più rinomati per il turismo. L’indagine parte nel marzo 2006, quando il comune viene commissariato

Gli imputati rischiano pene tra i 10 e i 30 anni di carcere, oltre ad ammende salatissime. Tra gli imputati ci sono due ex sindaci, un vice sindaco e diversi consiglieri comunali e imprenditori edili. Ma la “star” del processo è l’ex consulente per la pianificazione edilizia di Marbella, Juan Antonio Roca, l’unico imputato ancora in carcere che tra il 1992 e il 2003 si sarebbe intascato 245 milioni di euro. Oggi, il suo avvocato, Rocìo Amigo, all’apertura della sessione ha chiesto l’annullamento di tutte le indagini e di tutte le intercettazioni a carico del suo assistito. Impalpabile la motivazione annessa dal legale: il giudice non avrebbe applicato la legge.

Non è finita. Perché oltre al processo iniziato questa mattina, all’appello della polizia giudiziaria mancano tre persone, ufficialmente definite latitanti. Mentre un altro processo verrà aperto per la nota cantante spagnola, Isabel Pantoja, accusata di avere riciclato denaro per conto dell’ ex sindaco della perla della Costa del Sol, Julian Munoz.

Nel frattempo, secondo le ricostruzioni fatte dal quotidiano spagnolo El Paìs, il “modello Marbella” basato su un sistema di corruzione e prevaricazione è stato già esportato con successo: dal 2006 ad oggi, numerosi casi di corruzione sarebbero scoppiati in Spagna.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Le domande che non avrei voluto fare

prev
Articolo Successivo

Lodo Alfano, tutta la verità
sul voto della consulta

next