“Aspettiamo di leggere quali saranno gli emendamenti, non corriamo dietro agli annunci, ma non possiamo che ribadire un giudizio negativo sul disegno di legge sulle intercettazioni”. Lo ha detto il presidente dell’Anm, Luca Palamara, a margine di un convegno sull’attività internazionale del Csm. Secondo l’Associazione Nazionale Magistrati il ddl è” fortemente limitativo dello strumento investigativo delle intercettazioni e del diritto di cronaca”, per questo Palamara non ritiene che gli  mendamenti possano migliorare la situazione “perché purtroppo dobbiamo prendere atto del fatto che da circa due anni discutiamo di questo testo, nel tentativo di apportare dei miglioramenti, ma di fronte a disposizioni di carattere globale che sono insoddisfacenti gli emendamenti rischiano di non sortire alcun effetto”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Droga, Ganzer condannato a 14 anni

next
Articolo Successivo

I prefetti e Cosentino

next