Il volo per la Sardegna arriva con un ritardo medio di 9 minuti e 54 secondi? E il deputato Maurizio Lupi, vicepresidente Pdl della Camera, presenta un’interrogazione parlamentare per far togliere alla compagnia Meridiana Fly le licenze di esercizio. Per quanto un ritardo di 9 minuti e 54 secondi, nell’Italia dei disservizi, è praticamente puntualità, la notizia non solo è vera, ma ha trovato spazio nelle pagine del Corriere della Sera.

Amante delle vacanze in Sardegna, Lupi deve aver avuto qualche problema con Meridiana Fly e ha deciso di contare i ritardi accumulati dai voli diretti a Olbia, Cagliari e Alghero. Un lavoro certosino che ha prodotto come risultato un ritardo complessivo, nel mese di giugno, di 3.750 minuti, 62,5 ore su 377 voli. Un’inezia: 9 minuti e 54 secondi. Eppure Lupi ha presentato un’interrogazione parlamentare chiedendo, al ministro dei Trasporti, Altero Matteoli, e all’Enac di verificare se sussistano “i presupposti per un’eventuale sospensione o revoca della licenza di esercizio del serivizio di linea”. Non è dato conoscere la reazione del toscano Matteoli né quella dell’Enac; Meridiana ha quasi ironizzato rispondendo che nel periodo estivo “le performance di qualità, mai di sicurezza” registrano un leggero calo, considerato l’aumento dei passeggeri. Non solo i deputati, del resto, amano il mare sardo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pdl: tra bella politica e Romanzo criminale

next
Articolo Successivo

E’ la Lega, bellezza (2)

next