IlFattoQuotidiano.it / BLOG / di Claudio Messora

Claudio Messora Claudio Messora

Claudio Messora

Consulente per la comunicazione Movimento Cinque Stelle

Sono nato ad Alessandria d'Egitto, da genitori italiani, e ho studiato il pianoforte fin dall'età di cinque anni. Ho compiuto studi scientifici e ho una preparazione informatica conseguita alla Statale di Milano. Fino ai 28 anni sono stato principalmente musicista e ho venduto dischi in sedici paesi del mondo. Poi ho fatto il project manager e infine l'amministratore delegato in numerosi progetti informatici di alto livello, cosa che mi ha portato a viaggiare in tutta Europa e a stabilirmi a Dubai per un anno, nel 2005.

Alcuni anni fa ho deciso di aprire, con lo pseudonimo di Byoblu, un videoblog, e da allora la passione innata per la scrittura e quella acquisita per i temi di carattere sociale mi hanno travolto senza via di scampo. Ho iniziato realizzando un mini documentario sulla storia della democrazia e mi sono ritrovato, in un vortice inarrestabile, a seguire sul campo le vicende del terremoto de l'Aquila per un anno intero, attività che è stata riconosciuta con il Premio Agenda Rossa e con il XXXI Premio Ischia Internazionale del Giornalismo, nella categoria social media 2010. Le denunce e le testimonianze raccolte sono state anche utilizzate dalla Procura dell'Aquila nell'ambito dell'inchiesta che ha coinvolto la Commissione Grandi Rischi.

Per sperimentare i meccanismi di autoproduzione di contenuti che la rete può non solo sostenere, ma anche produrre e consumare, ho realizzato un doppio dvd sul tema della prevedibilità dei terremoti, dal titolo Internet for Giuliani, che mette a confronto diretto i risultati della scienza e le nuove frontiere della ricerca indipendente. Un approfondimento che mi pareva mancare e di cui molte persone mi avevano rappresentato l'esigenza.

Considero la rete una grande opportunità di cambiamento e ho sempre cercato di difenderla dalle iniziative legislative potenzialmente nefaste, organizzando blitz mediatici di protesta e promuovendo, dove necessario, la proposizione di emendamenti tampone alle cosiddette leggi ammazza-internet.

Dal 19 marzo 2013 ricopro il ruolo di consulente per la comunicazione del Movimento 5 Stelle  

Post di Claudio Messora

Diritti - 15 marzo 2013

Disabilità. Il sesso è un diritto?

Una volta si chiamavano assistenti, infermieri. Oggi, nell’era della consapevolezza aumentata, si sono evoluti. Si chiamano “giver”. Per esempio, c’è la figura del “care-giver”, ovvero colui che dà attenzioni e cure particolari a chi ne ha bisogno. Penso a coloro che si occupano di accudire i malati di Alzheimer e non solo. Il “care-giver” non […]
Media & regime - 16 gennaio 2013

Open your eyes. Think Anonymous

Sabato scorso ho ricevuto una email. La rivendicazione era di Anonymous. Comunicava che erano state pubblicate, online, le conversazioni tra Max Loda, Massimiliano Foti e Manuel Marco Marsili che dimostravano i loro maneggi per “affossare” il Movimento Cinque Stelle.  Ritenendo la email attendibile e ritenendo che, date le implicazioni gravissime, la questione andasse discussa immediatamente […]
Media & regime - 14 gennaio 2013

Grillo, Anonymous e il vero problema dietro ai simboli fasulli

La storia del deposito dei simboli tarocco ai danni del Movimento Cinque Stelle, del movimento di Ingroia e perfino della lista di Mario Monti rivela retroscena che non si possono liquidare in poche battute. Le implicazioni per il corretto svolgimento della competizione elettorale sono molte. Vanno comprese ed è giusto non derubricarle ad illeciti di […]
Lavoro & precari - 24 agosto 2012

La dignità dei morti

L’Inail è l’Istituto Nazionale per gli Infortuni sul Lavoro. E’ una forma di assicurazione pagata da tutti per tutelare quelli che secondo l’Articolo 1 della Costituzione sono i pilastri del nostro Paese: i lavoratori. La pagano gli imprenditori, ma ogni costo aggiuntivo sulle aziende ricade inevitabilmente anche sulle buste paga, dunque la paghiamo tutti. L’Inail […]
Politica & Palazzo - 28 giugno 2012

Il Presidente non ne aveva il potere!

Chi segue il Fatto Quotidiano sa che il Quirinale viene accusato di avere esercitato pressioni illecite nelle indagini sulla trattativa Stato- mafia. Tali pressioni vengono giustificate da autorevoli costituzionalisti, con argomentazioni che per molti suonano talmente surreali da apparire strumentali ad una logica superiore. Riporto qui l’opinione di Paolo Becchi, docente ordinario di Filosofia del Diritto all’Università […]
Mondo - 12 novembre 2011

Monti e gli altri, al limitare del bosco

La comprensione chiara e generale del disegno complessivo che muove le cose del mondo, sia detto chiaramente, è fuori dalla portata di tutti noi. Forse anche di quegli stessi che si trovano, per meriti o per logiche aristocratiche, ai vertici della società globale. Del resto i rapporti tra i singoli individui – e quindi tra […]
Mondo - 29 ottobre 2011

La terza guerra mondiale è vicina?

Qualcuno ha sentito per caso parlare in giro della velata minaccia che monsieur Sarkozy ha espresso qualche giorno fa, paventando l’ombra della riaccensione dei conflitti internazionali in Europa nel caso l’euro dovesse cadere? E qualcuno, sempre per caso, ha sentito parlare in giro di quella strana frase pronunciata due giorni fa da frau Merkel, che […]
Mondo - 25 ottobre 2011

La berlusconizzazione di Merkel e Sarkozy

La mafia usava dire cose come “ti farò un’offerta che non puoi rifiutare”. Pareva brutto dire: “Se non fai quello che ti chiedo ti faccio finire dentro a un pilone della Salerno-Reggio Calabria”. Le diplomazie internazionali fanno lo stesso. Siccome il protocollo non prevede che si dicano le cose in faccia, l’unica cosa che si […]
Politica & Palazzo - 13 ottobre 2011

Il Governo dello… sbadigliare!

Berlusconi, chiedendo la fiducia, dice che l’Italia è un sistema vitale, ricco, vivo. Dice che loro sentono la responsabilità, che vogliono sconfiggere la strategia della paralisi, che vogliono agire con la rapidità e l’efficienza imposta dai tempi. E mentre lo dice, Umberto Bossi al suo fianco ne mima i significati più intimi e profondi, come […]
Media & regime - 1 ottobre 2011

Lo scoop di Libero sugli abbonamenti del Fatto

Ieri sera Belpietro ha sostenuto che Termini Imerese andava chiusa, perché sopravvissuta solo grazie ai fondi pubblici, cosa che non è né buona né giusta. Siccome mi piacciono i ragionamenti completi, a chiusura del cerchio gli ho fatto notare che se questo fosse il criterio, allora il giornale che dirige, Libero, avrebbe già dovuto chiudere […]