Disastro annunciato. I residenti della zona di Pomezia dove in mattinata è andato a fuoco lo stabilimento della società Eco X non hanno dubbi: il rogo e la conseguente nube nera si potevano e dovevano evitare perché erano già stati segnalati più volte a chi di dovere i rischi di quell’accumulo smodato di plastica e immondizia all’interno del cortile della società. La prova è tutta in una lettera inviata a fine 2016. Il mittente era il comitato di quartiere ‘Castagnetta Cinque Poderi‘ di Pomezia, che lo scorso inverno ha manifestato al sindaco grillino Fucci il timore che nel piazzale della Eco X potessero svilupparsi incendi. La missiva era indirizzata anche al capo dei vigili urbani, ed è datata 3 novembre 2016. A confermarne all’Ansa il contenuto di quel documento è stato oggi il presidente del comitato Giuseppe Martinelli. Che ha aggiunto: “Dal Comune non abbiamo mai avuto una risposta. In un successivo incontro per argomenti diversi, abbiamo ricordato loro la questione. Alcuni assessori e un dirigente hanno ammesso solo che si trattava di un grosso problema”. Risultato? “Nessuno ha preso provvedimenti” ha spiegato Martinelli.

Nella lettera, inoltre, era segnalato “l’accumularsi di ingenti quantitativi di spazzatura con conseguenti miasmi maleodoranti presso i piazzali della società Eco X sita in Pomezia, via Pontina Vecchia km 33,381. La società opera da anni – si legge nella lettera – ma, almeno apparentemente, mai si era venuta a creare una tale situazione che sta generando qualche allarme tra la popolazione che teme per la propria salute e inquinamenti ambientali qualora dovesse insorgere qualche incendio. La Castagnetta – è scritto nella missiva – pur essendo un quartiere rurale, è densamente popolato, limitrofo al centro cittadino – prosegue il testo – e ove insistono anche attività agricole, artigianali e scuole. Siamo quindi a chiedervi – è scritto – nell’ambito dei compiti istituzionali di competenza, di voler effettuare una verifica quanto più immediata e, se possibile, nel volerci dare quelle informazioni necessarie per poter adeguatamente rassicurare la popolazione“.

Un’ulteriore conferma è arrivata anche da un cittadino residente nella zona dell’incendio. “Un anno fa sono andato alla caserma dei carabinieri di Pomezia per denunciare che montagne di plastica e rifiuti erano accumulati fuori dalla Eco X” ha detto Sabino D’Agnelli, che abita a poche centinaia di metri dallo stabilimento della ditta. “Mi hanno detto – ha aggiunto – che dovevo rivolgermi a Roma. Anche mio cognato ha denunciato quattro o cinque mesi fa la stessa cosa al sindaco di Pomezia, insieme al comitato di quartiere Cinque Poderi, ma non è successo nulla da allora”. Non è la prima volta, del resto, che un deposito del proprietario della Eco X va a fuoco. A ricordarlo è sempre Sabino D’Agnelli: “Dieci anni fa – ha raccontato – lo stesso proprietario aveva un altro deposito e anche quello andò a fuoco. L’idea che ci siamo fatti è che le fiamme sono partite dall’esterno, dove da anni venivano accumulate ogni genere di rifiuti, dai pneumatici alla plastica. Di sicuro sostanze inquinanti, visto che il vicino torrente ogni giorno ha un colore diverso”. D’Agnelli ha anche descritto cosa è successo in mattinata: “Ho sentito un boato incredibile, un’esplosione pazzesca, e poi tante altre in successione. Stavo facendo colazione – ha raccontato – quando ho sentito il boato, pochi minuti dopo mi ha chiamato mia figlia dicendo che stava andando a fuoco la ditta“.

Sulle denunce inascoltate dei cittadini è intervenuto anche il deputato Pd Marco Miccoli, commissario del partito a Pomezia: “Se fossero confermate le segnalazioni dei cittadini, sarebbe stato compiuto da parte dell’amministrazione comunale un grave atto di omissione. Il sindaco infatti – ha aggiunto Miccoli – avrebbe dovuto informare le autorità competenti e forse oggi tutto questo non sarebbe avvenuto. Attendiamo dunque gli sviluppi dell’inchiesta sperando si faccia al più presto piena luce, ma il sindaco Fucci deve spiegare ai cittadini perché non ha fatto nulla in questi mesi“. La risposta del primo cittadino non si è fatta attendere: “Tutti gli esposti che ci arrivano non vengono sottovalutati, anzi. Noi ci siamo attivati, non siamo rimasti fermi, e anche l’esposto del comitato di quartiere in questione è stato valutato dalla polizia locale” ha detto il sindaco di Pomezia Fabio Fucci. “La polizia locale – ha spiegato ancora l’esponente M5s – per situazioni di questo tipo coinvolge ulteriori autorità per gli accertamenti del caso e vengono svolte operazioni congiunte con altri enti, tipicamente o con Arpa o con Asl, o con i carabinieri per situazioni più complicate. Non so questi accertamenti a che punto fossero arrivati – ha sottolineato Fucci – Probabilmente l’esito di questi accertamenti non era concluso. Nell’ambito del procedimento ci sono cose che rimangono segrete, anche per me che sono il sindaco”. A chi gli chiede se si sarebbe potuto evitare quanto accaduto se ci si fosse mossi con maggiore celerità l’esponente del M5s ha risposto: “È una considerazione che non possiamo fare perché non si sa ancora la natura dell’incendio, bisogna capirne le cause”.