Sperona l’auto dell’ex moglie e poi l’accoltella. È successo a Borgo Vercelli, comune a pochi chilometri da Vercelli, dove la donna è ora ricoverata all’ospedale Sant’Andrea in fin di vita. L’ex marito l’ha aspettata all’uscita dal lavoro, poi l’ha inseguita in auto prima speronandola e poi bloccandola. A quel punto lei ha cercato di fuggire a piedi e rifugiarsi in una casa, ma l’uomo l’ha raggiunta entrando dalla finestra e l’ha colpita con un coltello, ferendola gravemente all’addome e al collo. L’ex marito è stato poi fermato dai carabinieri e arrestato con l’accusa di tentato omicidio aggravato dalla premeditazione, lesioni personali aggravate, porto abusivo di coltello, danneggiamento aggravato e violazione di domicilio.

Secondo le prime informazioni, la coppia di italiani, che ha due figli, si era separata da poco più di un anno. Come scrive La Stampa, si tratta di Fiorilena Ronco, 40 anni, e di Maurizio Zangari. I due vivevano insieme a Villata, prima che la donna decidesse di tornare a casa dai genitori, proprio a Borgo Vercelli: una decisione che l’ex compagno non aveva mai accettato. Zangari era già stato diffidato per aver maltrattato la donna: non poteva avvicinarsi a lei. Nei mesi scorsi l’ex compagna si era presentata al pronto soccorso con gli ematomi dovuti alle botte dell’uomo.

Sul profilo Facebook dell’uomo, nell’ultimo post pubblicato si legge: “Donne di merda…vi ricordo una sola cosa…toglimi mio figlio è ti sfracello, non toccate il mio sangue”.