“La gente pensa di potermi chiedere favori. Il segreto è uno solo: non fare questi favori, anche se dire no magari comporta un prezzo“. Si era limitato a questa dichiarazione in una intervista a Repubblica giovedì mattina. Ma, nella deposizione davanti ai pm di Napoli Henry John Woodcock e Celeste Carrano, l’amministratore delegato di Consip Luigi Marroni ora era stato molto più chiaro: “L’imprenditore Carlo Russo mi ha chiesto di intervenire su un appalto da 2,7 miliardi di euro per conto del babbo di Matteo e di Verdini. Mi disse che erano gli arbitri del mio destino professionale”. A riportarlo è L’Espresso, che pubblica i contenuti del suo interrogatorio avvenuto lo scorso 20 dicembre. Il maxi appalto per il facility management (gestione integrata dei servizi di pulizia, manutenzione, gestione energetica eccetera) bandito nel 2014 da Consip, la centrale unica degli acquisti della pubblica amministrazione interamente controllata dal Tesoro, è al centro dell’inchiesta che ha portato mercoledì all’arresto di Romeo con l’accusa di aver corrotto il dirigente Consip Marco Gasparri. Il padre dell’ex premier, come noto, è indagato per concorso in traffico di influenze, il reato del mediatore di un accordo corruttivo.

Le pressioni per la francese Cofely
A verbale il numero uno della Centrale acquisti della pubblica amministrazione italiana racconta che Carlo Russo, l’imprenditore indagato dalla procura insieme a Tiziano Renzi per traffico di influenze illecite, durante un incontro negli uffici romani della società gli avrebbe chiesto di favorire una ditta a cui era interessato Denis Verdini, ricordandogli che la sua promozione in Consip era avvenuta proprio grazie ai buoni uffici di Tiziano Renzi e di Verdini. Come scritto dal Fatto Quotidiano il 21 febbraio (leggi l’articolo di Marco Lillo) l’ex coordinatore del Pdl e fondatore di Ala (che non è indagato) spingeva per Cofely, la società francese che poi si è ritrovata prima in graduatoria per quattro lotti del mega appalto da 2,7 miliardi, quello del cosiddetto facility management 4, bandito dalla Consip nel 2014, in piena era Renzi, aggiudicandosi in via provvisoria un numero di lotti assai maggiore rispetto a quelli ottenuti da Romeo. 

Il commento di Marco Lillo: “Marroni o Lotti devono dimettersi”

Ma non solo l’imprenditore avrebbe ricordato al top manager come proprio Renzi senior e Verdini fossero “arbitri” del suo  “destino professionale“, potendo far decadere  il suo incarico di ad. In un in contro avvenuto nel marzo scorso a Firenze – secondo quanto riporta l’Espresso – Tiziano Renzi avrebbe insistito perché si andasse incontro alle esigenze di Russo, di “accontentare”. Ma a dire di Marroni, cui era stato presentato in precedenza Russo, “sono stato un muro di gomma“. In favore di Cofely sarebbe intervenuto il parlamentare di Ala Ignazio Abrignani, uomo vicinissimo a Verdini. Che però al settimanale spiega di essere “avvocato del Consorzio stabile energie locali, che ha partecipato alla gara FM4 insieme alla capofila Cofely”.

Marroni a Repubblica: “Il segreto è non fare favori”
Marroni, ex assessore alla Sanità in Toscana prima di essere nominato nel giugno 2015 alla guida della Consip dal governo Renzi, intervistato da Repubblica conferma di conoscere Renzi senior senza dire esplicitamente di aver subito sollecitazioni perché propiziasse l’aggiudicazione di tre dei 18 lotti della gara più grande d’Europa al gruppo di Romeo: in generale al quotidiano conferma di essere spesso destinatario di “richieste di favori”, ma sostenendo appunto che “il segreto è non farli”. Per poi rivendicare: “Noi siamo parte offesa e i nostri avvocati stanno agendo. Questa vicenda risale al passato, al 2012”, anche se la “gara a procedura aperta” è stata in realtà messa a bando nel marzo 2014 E ancora: “Da quando sono qui io abbiamo aumentato i controlli”. Per quanto riguarda le dichiarazioni di Romeo, che ha detto di aver pagato “altrimenti restavo fuori”, si dice “sorpreso per questa dichiarazione, che lascia intendere che sia una prassi diffusa. Non è così, anche se in base all’inchiesta qualcosa di illecito è successo”.

“Lunedì – annuncia poi – presenteremo una modifica al nostro regolamento che preveda la revoca delle gare sulle quali nutriamo dei sospetti. È una misura estrema e molto grave, che genererà preoccupazione nel mondo degli appalti. Ma dobbiamo farlo. La gara assegnata a Romeo è uno di quei casi su cui potremo intervenire”. E farlo prima non sarebbe stato possibile? “A richiesta, il casellario giudiziale su Romeo dice, a caratteri cubitali, che non risulta nulla. Se lo avessimo escluso avremmo commesso noi un’illegalità. È stato condannato in primo grado e assolto in secondo grado” nell’inchiesta della procura partenopea su presunti appalti pilotati al Comune di Napoli.

Il manager riferisce anche di aver “presentato le dimissioni“: “Ho chiesto un colloquio con il ministro Padoan, e sono stato immediatamente ricevuto. Al ministro ho fatto presente gli estremi della vicenda in cui era coinvolta la Consip ed il mio ruolo nella stessa, dando immediatamente la mia disponibilità a lasciare l’incarico, sia per tutelare l’azienda sia per la mia persona. Il ministro mi ha confermato la fiducia e invitato ad andare avanti. Cosa che faccio, ringraziandolo per la stima. Vado avanti con l’amarezza che la Consip sia portata al disonore della cronaca, e che questo magari impatti sul lavoro di centinaia di persone oneste”. Infine Marroni vanta i risultati di Consip in termini di risparmi per lo Stato: “3,7 miliardi lo scorso anno, 700 milioni più di quanto era stato programmato, e costi più bassi per una serie di acquisti. Più altri 2,5 miliardi risparmiati dagli enti locali perché le gare le istruiamo noi”.