Nella notte carabinieri e polizia sono intervenuti al centro di prima accoglienza di Cona, in provincia di Venezia, dopo la rivolta scoppiata in seguito alla morte avvenuta all’interno della struttura di una ragazza ivoriana di 25 anni. Lo rendono noto il commissariato e il comando di Chioggia (Venezia). Venticinque operatori sono stati tenuti bloccati all’interno della struttura fino alle 2 della notte, quando sono intervenute le forze dell’ordine. La situazione al momento è rientrata: solo un centinaio di migranti prosegue la protesta e, dopo aver impedito l’ingresso dei pasti a pranzo, vorrebbe fare altrettanto con quelli per la cena. Trattative in corso, invece, per organizzare un incontro col prefetto, che ha già dato la sua disponibilità, per domani. Ma solo a condizione che i pasti siano consegnati e che si abbandoni la protesta. La notte scorsa, ha precisato il commissario capo Luca Vincenzoni, “hanno chiuso il cancello e gli operatori sono rimasti dentro ma è eccessivo parlare di un sequestro. Non c’è stato il minimo gesto violento”. I migranti hanno dato fuoco a “quattro vecchie panche di legno” sul prato, senza provocare alcun serio danno. Le richieste dei migranti sono quelle di migliorare le condizioni della struttura. Intanto il ministro dell’Interno Marco Minniti ha disposto il trasferimento di circa cento migranti del centro di accoglienza di Cona in strutture dell’Emilia Romagna. Il trasferimento avverrà, come si apprende da fonti della Prefettura di Venezia, domani mattina. La procura di Venezia ha invece aperto un’inchiesta per chiarire la vicenda. 

LA GIOVANE IVORIANA MORTA PER CAUSE NATURALI
La giovane, Sandrine Bakayoko, era stata trovata priva di conoscenza in uno dei bagni della un’ex base missilistica che ospita oggi quasi 1.500 migranti. Inutili le manovre effettuate dai sanitari del 118 per rianimarla: quando l’ambulanza è arrivata al pronto soccorso di Piove di Sacco, riferisce La Nuova Venezia, la ragazza era già morta. Le cause del decesso sono state rese note da Lucia D’Alessandro, il sostituto procuratore della Repubblica di Venezia a cui è stato affidato il caso: “Si tratta di una trombo-embolia polmonare bilaterale“. Escluse totalmente ipotesi legate a fatti violenti o a malattie virali contagiose. “Voglio sottolineare – ha aggiunto il pm – che è interesse della Procura divulgare la causa della morte per evitare che nella popolazione nasca la preoccupazione di possibili malattie ritenute pericolose per altri individui. Per questo motivo stiamo provvedendo a tutti i controlli relativi alle condizioni di salute degli ospiti della struttura”.
Sulla morte della giovane e sugli incidenti avvenuti poi all’interno della struttura di accoglienza è stato aperto un fascicolo al momento senza alcuna ipotesi di reato e senza nomi di indagati. Sandrine Bakayoko era arrivata in Italia con il fidanzato il 30 agosto, dopo aver affrontato il Mediterraneo su un barcone partito dalla Libia: era ospitata nell’hub in attesa di ricevere una risposta alla sua richiesta d’asilo. Il sindaco di Cona, Roberto Panfilio, ha detto all’Ansa che la ragazza “aveva avuto un aborto circa un mese fa”. La giovane, ha spiegato ancora Panfilio, era stata seguita regolarmente dai medici per l’interruzione di gravidanza. Per il primo cittadino è impossibile tuttavia pensare a una correlazione tra questo fatto e la causa del decesso.

PER GLI OSPITI DEL CENTRO SOCCORSI IN RITARDO
Gli ospiti del centro hanno denunciato un ritardo nei soccorsi: secondo una ricostruzione pubblicata dal Corriere del Veneto, la giovane donna si sarebbe sentita male sotto la doccia intorno alle 7 e l’ambulanza che l’ha portata via intorno alle 15 non sarebbe riuscita a salvarla. “È stata anche colpa della negligenza della cooperativa, l’ambulanza è arrivata solo 8 ore dopo”, avrebbero raccontato alcuni ospiti del centro. Ulteriore complicazione: “La prima ambulanza non ha potuto portarla via ed è dovuta arrivare una seconda ambulanza ma per lei era troppo tardi”. In una nota diramata nella serata di ieri il 118 di Padova afferma di aver ricevuto la richiesta di intervento alle 12.48. Nel pomeriggio la situazione è degenerata. “Intorno alle 17 i migranti si sono presi l’intera ex base missilistica, hanno spento le luci e dato fuoco a dei bancali – riportava nella notte il Corriere della Sera – e gli operatori si sono dovuti barricare nei container e negli uffici”. Verso le 2 di notte, secondo quanto riportato da Rai News24, i dipendenti della struttura sono stati liberati, in seguito all’intervento delle forze dell’ordine, che dopo aver avviato una mediazione hanno posto fine alla rivolta.

SINDACO E RESIDENTI: “QUI LA POLITICA HA FALLITO”
Conetta non è più Italia, qua è Africa”, afferma ai microfoni di Skytg24 un residente della frazione del Comune di Cona che ospita il Cpa. Il centro ospita 1.400 immigrati ma qui “siamo 190 residenti“, lamenta il cittadino. “Questa concentrazione deve essere risolta dai vertici politici italiani che finora hanno fallito – attacca il sindaco di Cona, Alberto Panfilio – davanti ad un decesso tutti ci sentiamo molto tristi. Non diciamo di più perché sulle cause altri indagano ma abbiamo tanto materiale per lamentarci“. “Auspico, ma non ho molta fiducia, che questo governo ritorni a ripensare alle soluzioni”. “Questo centro era nato nel luglio 2015 per ospitare 15 migranti – prosegue il primo cittadino – in agosto erano già 300. Già allora sentivo i governanti parlare di necessità di sfoltire le fila, ma siamo arrivati ora a 1.500″. Presenze, secondo il sindaco, che “hanno cambiato le abitudini di Cona. Questo è il fallimento dell’accoglienza e dell’organizzazione. A questo punto torno a chiedere – conclude Panfilio – un nuovo tavolo per cercare soluzioni che non siano quelle fallimentari dell’accoglienza diffusa. Serve un progetto nuovo”.

PROCURA DI VENEZIA APRE UN’INDAGINE, ACQUISITA TUTTA LA DOCUMENTAZIONE
Sarà acquisita dalla procura di Venezia tutta la documentazione inerente alla morte di Sandrine Bakayoko. Stabilita infatti la causa del decesso per cause naturali, la procura intende comunque compiere tutti gli approfondimenti del caso sulle fasi precedenti al decesso. Analogamente, nel quadro del fascicolo aperto sulla vicenda di quanto accaduto ieri all’interno della struttura, saranno compiuti tutti gli accertamenti relativi alla possibile commissione di reati nella fase della protesta di un centinaio di migranti che ha comportato anche l’impossibilità per un gruppo di operatori del centro di uscire dalla struttura. “Ci sono – ha detto il pm Lucia D’Alessandro – indagini in corso che avranno il loro sviluppo. Nulla verrà lasciato al caso”.

AD AGOSTO ALTRE PROTESTE NELLO STESSO CENTRO
Le proteste di ieri non sono le prime scoppiate nell’hub di Conetta. Il 30 agosto una cinquantina di migranti avevano manifestato in strada per protestare contro i lunghi tempi di evasione delle pratiche per le richieste di asilo. In quella occasione tuttavia si era trattato di un sit-in pacifico controllato dalle forze dell’ordine. Sul posto agenti della polizia del commissariato di Chioggia e carabinieri di Chioggia oltre al sindaco Panfilio che aveva ricordato come all’inizio del mese avesse ricevuto dall’allora ministro dell’interno Angelino Alfano assicurazioni sulla diminuzione del numero di ospiti del centro di accoglienza veneziano. In precedenza, il 27 gennaio dello scorso anno un centinaio di migranti, su un totale in quel momento di 600 contro i 900 di oggi, era sceso in strada per protestare contro il livello di assistenza loro offerto nella struttura. Senza creare particolari tensioni, avevano occupato parte della strada cercando di richiamare l’attenzione sui problemi soprattutto igienico-sanitari della struttura, sottolineando il fatto di essere in troppi rispetto alla capacità di accoglienza della ex base.