Archiviazione per l’amministratore delegato del Monte dei Paschi di Siena, Fabrizio Viola, e l’ex presidente, Alessandro Profumo. E’ quanto hanno chiesto i pm di Milano Stefano Civardi, Mauro Clerici e Giordano Baggio nei confronti dei due banchieri finiti nel registro degli indagati per falso in bilancio, aggiotaggio e ostacolo all’attività degli organi di vigilanza. La vicenda riguarda la cosiddetta contabilizzazione ‘Saldi aperti‘ dei derivati Santorini e Alexandria. L’ipotesi dei magistrati senesi – che poi hanno inviato il fascicolo alla procura di Milano – è che i bilanci della banca dal 2011 al 2014 siano stati falsati da una rappresentazione non corretta dei derivati Alexandria e Santorini.

La notizia dell’indagine, emersa alla metà del mese scorso, ha rischiato di minare la fiducia nella banca che deve raccogliere 5 miliardi di euro di capitali entro fine anno. Adesso un giudice sarà chiamato a pronunciarsi sulla richiesta presentata oggi dai pm. Una fonte ha sottolineato a Reuters che i pm avrebbero appurato che c’era ampia informazione sulla natura di quelle operazioni e che le autorità di regolamentazione sarebbero state informate.