I politici sono sempre inclini a cambiare idea. Bersani era contrario alle preferenze, ora le chiede. Forza Italia era favorevole alle riforme (che ha anche scritto), ma dopo l’elezione a presidente di Sergio Mattarella ha cominciato a votare contro e ora fa campagna per il no. Il M5s era favorevole alle unioni civili a pacchetto completo, adozione compresa, con tanto di voto degli iscritti due anni prima. Ma in Parlamento – per ragioni di metodo – ha ritirato il sostegno al testo e ha costretto i democratici a fare un accordo al ribasso con Ncd. Per Matteo Salvini Stefano Parisi era l’uomo giusto per vincere a Milano, ora definisce il suo modello “perdente”. Gli esempi sono sterminati e si moltiplicano quando si tratta di chi governa per un tempo ragionevole. Delle precisazioni di Berlusconi dopo dichiarazioni strampalate sono pieni gli archivi delle agenzie di stampa. Ora che a Palazzo Chigi c’è Matteo Renzi il test tocca a lui. Tutto è cominciato con la più celebre delle giravolte, diventato ormai motto di uso comune: “Enrico stai sereno”. Come è andata a finire lo sappiamo. Ma d’altra parte una volta, alla Leopolda, disse: “La sinistra che non cambia idea si chiama destra”.