I politici sono sempre inclini a cambiare idea. Bersani era contrario alle preferenze, ora le chiede. Forza Italia era favorevole alle riforme (che ha anche scritto), ma dopo l’elezione a presidente di Sergio Mattarella ha cominciato a votare contro e ora fa campagna per il no. Il M5s era favorevole alle unioni civili a pacchetto completo, adozione compresa, con tanto di voto degli iscritti due anni prima. Ma in Parlamento – per ragioni di metodo – ha ritirato il sostegno al testo e ha costretto i democratici a fare un accordo al ribasso con Ncd. Per Matteo Salvini Stefano Parisi era l’uomo giusto per vincere a Milano, ora definisce il suo modello “perdente”. Gli esempi sono sterminati e si moltiplicano quando si tratta di chi governa per un tempo ragionevole. Delle precisazioni di Berlusconi dopo dichiarazioni strampalate sono pieni gli archivi delle agenzie di stampa. Ora che a Palazzo Chigi c’è Matteo Renzi il test tocca a lui. Tutto è cominciato con la più celebre delle giravolte, diventato ormai motto di uso comune: “Enrico stai sereno”. Come è andata a finire lo sappiamo. Ma d’altra parte una volta, alla Leopolda, disse: “La sinistra che non cambia idea si chiama destra”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Renzi, il “se perdo me ne vado” cambia idea. Eppure ci credeva, ecco le solenni promesse

next
Articolo Successivo

Ue, a Ventotene Renzi, Merkel e Hollande. Germania: “Abbiamo cambiato posizione, più cooperazione europea”

next