Ha ucciso i suoi figli, Hubert di 13 e Giulia di 8 anni, a coltellate, ha ferito la moglie poi si è tolto la vita buttandosi in un pozzo. A compiere il gesto è stato Maurizio Palmerini, cinquantenne di Vaiano, frazione di Castiglione del Lago (Perugia). A chiamare i soccorsi è stata la moglie, Caterina. I carabinieri sono arrivati prima che l’uomo si togliesse la vita e hanno provato a fermarlo insieme a un vicino ma non ci sono riusciti. L’uomo ha urlato: “Vi rendete conto di quello che ho fatto? Non provate a fermarmi”.

All’origine del gesto ci sarebbe una motivazione economica. In passato l’uomo aveva lavorato come rappresentante di farmaci e come operaio ma al momento sia lui che la moglie svolgevano solo impieghi saltuari e ricevevano aiuti dalla loro comunità. Inoltre, a quanto raccontano i vicini, alla famiglia era stata pignorata la casa e Palmerini soffriva di depressione. Il vicino di casa che ha provato a salvarlo lo ha descritto come una “persona onesta e perbene”.

La salma dell’uomo è stata recuperata nel pomeriggio dai sommozzatori dei vigili del fuoco. Il pm titolare delle indagini Manuela Comodi ha disposto l’autopsia su tutti e tre i cadaveri. La donna invece è stata ricoverata sotto shock all’ospedale di Perugia ed è stata medicata per un taglio alla guancia.  “Sono sconfortato e addolorato – ha commentato Sergio Batino, sindaco di Castiglione del Lago – soprattutto perché questa tragedia riguarda i minori E’ il sintomo della disgregazione della società. Per Caterina, la moglie di Maurilio – ha aggiunto – faremo tutto il possibile, presto andrò a trovarla per offrirle sostegno ed intervenire con gli strumenti a disposizione dell’amministrazione”.