Una bomba è esplosa, attorno alle 4.30, davanti alla porta della sede della scuola della polizia di Stato di Brescia, la Polgai di via Veneto. Si è trattato di una pentola a pressione riempita con polvere pirica. Un ordigno confezionato per fare danni all’edificio, non vittime. Al momento non ci sono rivendicazioni, ma le indagini della Digos si sono concentrate sulla galassia anarchica. A metà novembre, infatti, è stata lanciata una campagna su internet dove si invita a mettere in atto azioni contro “fascisti e padroni”. Anche se non ci sono stati feriti (danneggiato solo un portone che affaccia in strada e una finestra), gli inquirenti ritengono che l’attentato sia un “grave intimidazione verso la Polizia”. E il ministro dell’Interno Angelino Alfano esclude che si tratti di terrorismo jihadista. La Polgai, la scuola di polizia Giudiziaria Amministrativa Investigativa ha sede a Brescia dal 1972, dapprima come distaccamento della sede di Milano, poi come centro di tutti i corsi di specializzazione. La scuola, specializzata nell’insegnamento delle tecniche di polizia giudiziaria, criminale e investigativa si trova a 5 minuti dal centro cittadino e 5 minuti dalla Stazione ferroviaria.

Attentatore immortalato dalle telecamere
Gli investigatori sono al lavoro per capire se il detonatore è stato innescato a mano o a distanza tramite un comando elettrico. Nelle mani della Digos ci sono le immagini riprese dalle telecamere di sorveglianza della scuola, nelle quali si vede un uomo di statura medio alta col volto coperto dal cappuccio del giubbotto alzato e che indossa un cappellino. L’uomo lascia una borsa con all’interno l’ordigno davanti al portone e si allontana camminando. Alle indagini collaborano anche gli agenti del gabinetto di Polizia scientifica per la Lombardia. Intanto la Procura di Brescia ha aperto un fascicolo nel quale viene ipotizzato il reato di “atto di terrorismo con ordigni micidiali o esplosivi”. Posti di blocco sono inoltre stati piazzati in tutta la provincia di Brescia, in particolare lungo le tangenziali.

A metà novembre lanciata campagna “contro fascisti e padroni”
L’attacco potrebbe essere legato al cosiddetto “Dicembre nero“, una campagna lanciata intorno alla metà di novembre su internet tramite un documento dal titolo “Prigioni greche per una nuova posizione di lotta dell’insurrezione anarchica per un dicembre nero”. Nel testo si fa riferimento a “un mese di azioni coordinate per conoscerci tra noi, uscire in strada e distruggere le vetrine del grandi magazzini, occupare scuole, università e municipi, distribuire testi che diffonderanno un messaggio di ribellione“. Il legame con l’esplosione sarebbe racchiuso nell’invito a “piazzare ordigni esplosivi contro fascisti e padroni, esporre striscioni su ponti e strade, sommergere le città di manifesti e volantini, far saltare le case dei politici, lanciare molotov contro la polizia“. Nelle intenzioni dei promotori la campagna dovrebbe servire come “detonatore della ripresa dell’insurrezione anarchica dentro e fuori le prigioni”.

Alfano: “Polizia non si farà intimidire”
Il ministro dell’Interno esclude che l’attentato sia di matrice jihadista: “In questo momento ci sono le indagini in corso. Sembra esclusa, anzi, ci sentiamo di escludere, una pista di matrice di terrorismo internazionale. Il resto è nelle mani della magistratura che sta indagando”. “Certamente la polizia non si farà intimidire, né da questo ordigno artigianale né da qualsiasi altra forma di intimidazione”, fa sapere Alfano. “Ho già manifestato la mia più forte vicinanza al capo della polizia, ai nostri inquirenti e al questore di Brescia. Siamo accanto a loro”. Alfano ricorda che “peraltro la Questura di Brescia si è molto distinta in questi mesi e nell’ultimo periodo per una serie di indagini importanti e quindi siamo davvero al loro fianco”.