Il mare di Sorrento lo avevamo lasciato nell’agosto dell’anno scorso così: con pannolini, assorbenti e residui di ogni tipo a galleggiare, ma almeno ‘balneabile’. Quest’anno le cose vanno anche peggio: il sindaco Giuseppe Cuomo nella giornata del 18 agosto ha dovuto firmare un’ordinanza che vieta di fare il bagno tra Marina Piccola e la Villa Pompeiana, in pratica il tratto di costa degli stabilimenti balneari. Ordinanza che si aggiunge al divieto già in atto da giugno a Marina Grande. Il perché è evidente nella foto scattata l’11 agosto scorso e tratta dalla pagina Facebook de ‘La Grande Onda’, un gruppo di discussione sul pessimo stato delle acque sorrentine.

Le analisi dell’Arpac hanno poi confermato quel che si intuisce a occhio nudo: livelli di enterococchi intestinali e di escherichia coli ben oltre i limiti di legge. Nell’acqua del mare di Sorrento – conferma il sindaco nell’ordinanza (leggi il pdf), finiscono “consistenti sversamenti di materia fecale”. Quel colore marrone delle acque dipende dal pessimo funzionamento del sistema fognario. Che va in tilt durante l’estate, quando la costiera sorrentina si affolla di turisti e di proprietari di seconde case, e soprattutto durante gli acquazzoni. In pratica le fogne ogni tanto ‘scoppiano’, perché sottodimensionate rispetto alla popolazione reale, e non riescono a convogliare tutti i liquami verso il depuratore di Marina Grande. 

Sorrento 11 agosto 15 zona Marina Piccola (quella chiusa con l'ordinanza)Per evitare che le fogne esplodano davvero, scatta un sistema di overflow che devia le acque nere in sovraccarico, miste alle acque piovane, direttamente nel mare. Che si colora di un marrone nauseabondo e visibile a occhio nudo dalle numerose terrazze degli alberghi di lusso che si affacciano sulla costa a strapiombo. Uno schifo per gli occhi e per la salute. Un problema che affonda le radici, secondo i numerosi esposti del Wwf, nella inefficiente gestione del ciclo integrato delle acque, affidato alla società pubblico-privata Gori. E le cose non vanno meglio nei comuni limitrofi. A Sant’Agnello, il 14 agosto il sindaco Piergiorgio Sagristani ha firmato un’ordinanza che vieta i tuffi nel golfo del Pecoriello: anche qui l’Arpac ha certificato una situazione di inquinamento forse dovuta agli scarichi abusivi denunciati in primavera dagli ambientalisti del Panda. E rischia il divieto di balneazione anche l’area di Puolo, tra Sorrento e Massa Lubrense: le analisi Arpac di metà agosto avrebbero evidenziato presenze di batteri oltre la norma.

Sul fronte delle proposte, un blog di informazione curato dal giornalista Vincenzo Califano, politicainpenisola.it, segnala che i 4 comuni della costiera sorrentina – Meta, Piano di Sorrento, Sorrento e Sant’Agnello – potrebbero disporre di 13 milioni di euro di fondi comunitari stanziati nel 2003 per un progetto denominato “Costa Sicura”. Fondi che in origine dovevano essere impiegati per la messa in sicurezza dei costoni che sovrastano le spiagge e gli stabilimenti balneari, mai utilizzati, che potrebbero essere riconvertiti nell’ammodernamento del sistema fognario “per affrontare di petto – spiega Califano – quella che sta diventando una vera e propria emergenza ambientale e sanitaria”.