Una donazione da due milioni di euro andata in fumo a causa della lunga anticamera davanti l’ufficio del manager. Succede a Ragusa, dove l’azienda sanitaria provinciale stava per incassare la ricchissima donazione da parte di Giuseppe Giuffrè, imprenditore di origini ragusane ma trapiantato da anni negli Stati Uniti.

I soldi sarebbero serviti per comprare apparecchiature mediche e migliorare i servizi del nuovo ospedale Giovanni Paolo II. Una donazione che avrebbe fatto comodo, visti i disastrosi conti regionali, che vedono il settore sanitario in profondo rosso da anni. Solo che il manager dell’Asp Maurizio Aricò doveva probabilmente avere di meglio da fare, dato che ha costretto il benefattore ad una lunga anticamera: talmente lunga che Giuffrè ha perso la pazienza ed è andato via. Inutili le scuse successive di Aricò: l’imprenditore italo-americano al momento sembra non avere più intenzione di procedere alla donazione.

La parlamentare regionale del M5S Vanessa Ferreri, dopo aver saputo della fuga del potenziale generoso donatore, ha richiesto la convocazione urgente di Aricò in commissione Sanità, per chiarire la vicenda. Ferreri si scusa pubblicamente, da segretario della commissione sanità dell’Assemblea regionale siciliana, con il signor Giuffrè, confidando in un suo ripensamento: “A pagarne le conseguenze – dice – sarebbero solo i cittadini”.

Il presidente della Commissione sanità Pippo Digiacomo prova a trovare una giustificazione: “Apprendo con rammarico l’incidente accaduto nei locali dell’Asp di Ragusa che avrebbe fatto desistere il signor Giuseppe Giuffrè dall’annunciata decisione di donare una cospicua somma all’ospedale della città iblea. Sono certo che si sia trattato di un semplice disguido e che possa essere superato”.  “Avevo incontrato Giuffrè – aggiunge – proprio all’ingresso dell’edificio e avevo avuto modo di ringraziarlo del suo affetto e della sua generosità nei confronti della terra natia e sono profondamente dispiaciuto. A nome mio e della commissione Sanità all’Ars voglio chiedere al nostro fortunato conterraneo di scusare l’incidente assolutamente estraneo al garbo e all’ospitalità della bella terra iblea. I particolari dell’incidente verranno certamente chiariti nelle sedi opportune”.