Salva Italia, Destinazione Italia, Sblocca Italia. Le leggi cardine degli ultimi tre governi hanno un elemento in comune: l’alto tasso di decreti attuativi mai emanati. Il governo in carica non fa eccezione: i 46 provvedimenti pubblicati in Gazzetta ufficiale nei suoi primi otto mesi rimandano ad altri 242 che ancora  oggi mancano all’appello. Erano 133 a giugno, 140 a luglio, 171 ad agosto. Il piede di Renzi inizia dunque ad affondare nel terreno dei decreti e dei regolamenti inattuati. Il suo esecutivo rischia di andare incontro a un ko tecnico sul ring delle riforme nel confronto con quelli di Monti e Letta, tra i più paludati della storia. E sarebbe uno schiaffo pesantissimo. Ecco perché.

“A noi non interessa il gioco della conta, gli scontri, noi facciamo proposte che diventano leggi dello Stato”. Alla Leopolda Renzi ha rimarcato così la distanza con la piazza di sindacati e lavoratori in San Giovanni. Stando ai numeri, però, è vero proprio il contrario. A certificarlo è l’aggiornamento sullo stato di attuazione del programma diffuso sui siti della Presidenza del Consiglio e della Funzione pubblica il 24 ottobre scorso (scarica il file). E lì che spunta il fardello dei 242 provvedimenti fantasma. Con alcune chicche. Il governo ha appena approvato il secondo bonus da 80 euro, quello per neomamme. Ma non è ancora entrato del tutto in vigore il primo bonus, quello approvato ad aprile: attende ancora 35 decreti attuativi. L’altro dato sorprendente è che ben 30 provvedimenti inattuati facciano capo alla stessa Presidenza del Consiglio, la casa di Renzi.

Qualcuno potrebbe ricordare gli annunci del neopremier sull’impellenza di star dietro alla legislazione di secondo livello (link). Ne aveva fatto un punto d’onore, sostenendo di aver ereditato da Monti e Letta “una scandalosa montagna di decreti inattuati”. Era poi arrivato al punto di mettere alla gogna i suoi stessi ministri, rei di contribuire alla mole di pezzi di legislazione finiti a bagnomaria. Ma evidentemente non è bastato.

Renzi aveva annunciato una task force per smaltire l’arretrato. Non è mai arrivata

Nei report e nelle comunicazioni ufficiali pubblicate dagli uffici del Ministro Maria Elena Boschi a ottobre si continuano così a tirare in ballo Monti e Letta. La foga di far emergere performance positive del governo fa sì che su 22 pagine di rapporto solo 7 siano dedicate all’azione dell’esecutivo in carica, 15 all’eredità incompiute dei predecessori, come se queste non riguardassero anche il governo Renzi. Come dire, il fardello è colpa loro. Noi siamo più bravi.

Sarà poi vero? Nella sua relazione alla Camera sullo stato di attuazione del programma di governo la Boschi ha messo in luce come il confronto tra i primi sette mesi e mezzo (226 giorni) di Letta e Renzi facciano segnare punti a favore del nuovo premier: 40,6% di provvedimenti adottati contro il 28,6% (vai al grafico). Ma se il confronto fosse stato fatto pochi giorni dopo avrebbe avuto come base di calcolo non 171 ma 242 decreti non attuati. Con risultati decisamente diversi.

Sull’oggetto della legislazione “sospesa”, poi, sembra calato il silenzio. Ilfattoquotidiano.it lo ha chiesto ufficialmente agli uffici del Ministro Boschi il 21 ottobre: visto che è stato aggiornato il report sullo stato di attuazione, indicando i numeri dei provvedimenti che mancano all’appello, è possibile sapere a quali misure esattamente si riferiscono?

Nel report si legge, ad esempio, che mancano 35 atti legislativi secondari al Dl 66/2014. Si tratta del decreto che disciplina il famoso bonus da 80 euro approvato il 24 aprile 2014 convertito in legge e pubblicato in Gazzetta il 23 giugno, quattro mesi fa. A cosa mai si riferiscono? Quali parti del provvedimento sono rimaste inattuate? Come cadono sulla platea dei percettori del bonus?

La risposta non è mai arrivata. Non è bastata la mail inviata martedì 21 ottobre al capo ufficio Alessandra Gasparri. “La risposta arriva, non preoccupatevi” assicurava mercoledì il portavoce del ministro, Luca Di Bonaventura. Rassicurazioni al giovedì, salvo scoprire venerdì che “sono tutti alla Leopolda”, la kermesse renziana. Se ne riparla lunedì, forse.

Lo stock dei decreti riferiti ai Governi Monti e Letta è sceso da 516 a 448

Non resta dunque che affondare gli occhi tra tabelle e riferimenti normativi. Partiamo allora con il primo provvedimento in lista. La legge 56/2014 che doveva abolire le Province. Si è pure votato per riconfermarle ma a quella misura, varata addirittura ad aprile, mancano ancora oggi 5 decreti attuativi. Ne mancano anche 6 al Dl 16/2014 “Finanza e scuola”, entrato in vigore il 6 marzo. E’ stato convertito il 2 maggio ma ancora è parzialmente inattuato. Per quali parti? Nessuno lo spiega. In alto mare anche il Decreto competitività (Dl 91/2014): che conta 36 decreti fantasma.

Andiamo avanti. Si parla tanto delle nuove misure del jobs act, articolo 18 etc etc. Ma il primo decreto Poletti, approvato il 20 marzo, ancora non è pienamente operativo: due provvedimenti sono attesi da ben sette mesi. C’è speranza per lo Sblocca Italia che ha appena incassato la fiducia alla Camera: approvato il 12 settembre ha già sul groppo un vagone di 29 decreti attuativi. Certo, Renzi ha il vantaggio che per i suoi provvedimenti i termini non sono ancora scaduti. Può rivendicare un uso più intenso dei decreti auto-attuativi (15 su 87). Ma non può più marcare l’abissale differenza che avrebbe voluto segnare da Letta e da Monti.

Monti ha governato il doppio di Renzi, un anno e cinque mesi. Quando è uscito di scena ha lasciato 207 decreti attuativi da adottare. Anche il confronto con #lettastaisereno inizia ad andare stretto a chi ne ha preso il posto, in un modo che ancor l’offende: in 10 mesi l’esecutivo Letta, che sembrava il più impaludato della storia, ha lasciato sul terreno 306 provvedimenti da adottare. Ebbene, dopo 8 mesi Renzi ha già un passivo di 242 decreti ancora da emanare, e presto saranno molti molti di più, visto che la Legge di Stabilità aggiungerà un altro vagone carico di mattoncini. Quella di Letta (dl 147/2013) ne ha portati in dote 84 in un colpo solo. Così, non è azzardato pensare che siamo prossimi addirittura a un sorpasso. Si vedrà, ma intanto si può affermare l’inconfessabile: aldilà degli annunci, neppure Renzi ha messo il turbo al processo legislativo. Anche lui, come i predecessori, legifera e accumula pezzi di leggi inattuate.

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO
Salve,
in riferimento all’articolo di Thomas Mackinson dal titolo “Governo, i decreti fantasma …” si precisa quanto segue:
– Non è stata “negata” nessuna risposta alla richiesta della vostra testata: anzi, a fronte della richiesta del collega giornalista, l’ufficio competente ha provveduto a preparare la risposta che trovate qui di seguito. La risposta, pronta da giorni, è sempre stata a disposizione.
– Non corrisponde al vero il riferimento alla mancata operatività dell’ufficio stampa nella giornata di venerdì: in realtà è stato pienamente operativo dalle ore 7 alle ore 20.
– Non corrisponde al vero, come si legge nell’articolo, che ci sarebbero state “plurime sollecitazioni telefoniche”. All’ufficio stampa è arrivata una ed una sola telefonata, durante la quale il collega Mackinson non ha indicato nessuna scadenza della sua richiesta; né, peraltro, sono arrivate all’ufficio stampa mail di sollecito. Questo solo per ribadire che non c’è mai stata la volontà di non fornire risposte.
– Infine si ribadisce che tutti i dati sui decreti attuativi sono facilmente rintracciabili online, alla pagina web dell’ufficio per il Programma di Governo. Dati, come si può verificare, consultabili da tutti e in continuo aggiornamento.
Cordiali saluti,
Luca Di Bonaventura

** Ecco la risposta dell’Ufficio
Si fa riferimento alle informazioni richieste via e-mail, per specificare che l’Ufficio per il Programma di Governo svolge un monitoraggio complessivo sull’andamento dei processi attuativi delle leggi del Governo in carica e dei due Esecutivi precedenti.
Il 22 febbraio, quando l’attuale Governo si è insediato, la quantità di decreti ancora da adottare ereditati dai due precedenti Esecutivi assommava a 889. Ad oggi è stato, di fatto, dimezzato l’arretrato. Inoltre, se si confrontano i primi sette mesi e mezzo di questo Governo e del precedente, “il tasso di attuazione” è salito del 42%: dal 28,6% di Letta al 40,6% del Governo Renzi; in più, la percentuale di attuazione dell’attuale Esecutivo a fine anno (10 mesi di Governo) sarà più alto, dal momento che entro dicembre arriverà a scadenza un numero significativo di provvedimenti attuativi.
I dati quantitativi sono pubblicati sul sito dell’Ufficio per il programma di Governo e nei report online viene costantemente dato conto del numero complessivo dei decreti attuativi previsti e di tutti i provvedimenti legislativi approvati.
Questi sono i link di riferimento:
1 – http://www.governo.it/Presidenza/UPG/agg_21102014.html
2 – http://www.governo.it/Presidenza/UPG/provvedimenti/

Gentile Di Bonaventura,

prendiamo atto della solerzia del vostro ufficio che risponde oggi, a pezzo pubblicato e a una settimana esatta dalla nostra richiesta. Sempre ora scopriamo che in realtà la risposta “era pronta da giorni, è sempre stata a disposizione”. Non si capisce allora perché non sia stata trasmessa. Ce ne faremo una ragione: leggendola apprendiamo che non avrebbe aggiunto nulla perché queste 10 righe non forniscono risposta alcuna ai nostri quesiti, ma ripropongono statistiche di cui già disponevamo. E da noi utilizzate per redarre l’articolo.

Cordiali saluti
Thomas Mackinson