La cupola e i politici. Dagli atti dell’inchiesta su Expo 2015 – che ha portato a una raffica di arresti per le manovre occulte sugli appalti – continuano a venire fuori intercettazioni in cui si evocano o si fa riferimento a ministri del governo Renzi. Dopo Maurizio Lupi, che smentisce di aver avuto mai a che fare con la “squadra”, viene fuori il nome di Angelino Alfano

Grillo: “Alfano mi ha offerto ruolo di consigliere economico”. In una telefonata intercettata, lo scorso 24 marzo l’ex senatore di FI e del Pdl Luigi Grillo raccontava, parlando con Cesare Previti, che il ministro dell’Interno “gli avrebbe offerto il ruolo di ‘consigliere economico’ personale”, col “fine di ‘seguire anche un po’ le nomine”. Argomento che molto discusso dagli indagati. In una annotazione della Guardia di Finanza del 31 marzo si spiega che Grillo, che davanti al gip ha negato di aver preso soldi o turbato gare, nella telefonata racconta a Previti dell’incontro con il responsabile del Viminale che a suo dire “gli avrebbe offerto il ruolo di ‘consigliere economico personale, nella qualità di ‘capo delegazione dell’Ncd al Governo'”

Tra l’altro si legge ancora, Grillo “dice che gli avrebbe parlato di ‘Giuseppe’ (Nucci)”, ex manager di Sogin, “e su quest’ultimo, Alfano avrebbe risposto ‘sì sì va bene lo mettiamo in conto di dargli uno … poi te ne parlerà anche Cesare’”. Grillo poi, scrive ancora la Gdf, “aggiunge, sempre parlando di Nucci, che avrebbe sentito anche Giuseppe, gli ho detto guarda ci vediamo domani, con Cesare c’abbiamo sempre a cuore la tua vicenda, non dubitare. Adesso sto andando da Alfano e poi ti dico…”.

”Ah c’è Lusetti (…) Bene! Devo sentire che nomine fanno quelli lì”. Ah c’è Lusetti (…) Bene! Devo sentire che nomine fanno quelli lì, di quella banda lì, del Governo”. Così in un’intercettazione del 28 marzo scorso, l’ex parlamantare Dc Gianstefano Frigerio commentava il fatto che la sua segretaria aveva fissato per lui “una cena” con “l’Onorevole Renzo Lusetti”, ex parlamentare del Pd e dell’UdcLa segretaria di Frigerio infatti, come spiega la Gdf in una delle annotazioni, lo “avvisa” che per il “prossimo 2 aprile” ha fissato una cena con Lusetti, “e Frigerio commenta: “Ah c’è Lusetti a cena. Bene!“’. E così, scrive la Finanza, evidenzia “il movente principale dell’incontro con il parlamentare” proprio “nell’argomento delle nomine dei vertici ‘pubblic’, tanto strategico” per i “progetti del sodalizio”.

“La cupola si attivò anche per appalto Termomeccanica”. Secondo gli investigatori la cupola si sarebbe “attivamente” adoperata per favorire una delle società legate ai componenti della a ipotizzata associazione per delinquere anche in “una gara” d’appalto “riguardante Termomeccanica spa”, storica azienda del settore metalmeccanico con sede a La Spezia. Secondo la Gdf, in particolare, Grillo, ora in carcere e che era consigliere nel Cda di Termomeccanica, e Sergio Cattozzo, il presunto ‘corriere’ delle tangenti, si sarebbero mossi per favorire la Prisma Impianti spa di Valerio Alfonso, una delle società che avrebbero avuto “collegamenti” con gli indagati  che puntava a Termomeccanica che stava “procedendo alla selezione/individuazione dei fornitori”. Nel contesto di un lavoro tra “la stazione appaltante”, che era l’azienda spezzina, “e la società Prisma Spa”, si legge nell’annotazione, Grillo “fornisce ad Alfonso il recapito telefonico del responsabile (di Termomeccanica) della commessa”. Il titolare della Prisma, inoltre, intercettato al telefono con Cattozzo il 25 ottobre 2013, diceva: “Abbiamo individuato subito un filone proprio bello chiaro e … ‘io ti do questo, tu mi dai quello, io ti dò”. 

“Una cooperativa mise a disposizione auto per Greganti”. Una delle cooperative, che sarebbero state legate alla cosiddetta ‘cupola degli appalti’, avrebbe noleggiato e messo a disposizione di Primo Greganti, l’ex funzionario del Pci che al gip ha dichiarato di occuparsi di legno, un’auto “in ragione della sua opera ‘mediatoria’ a favore dell’impresa”. Secondo le Fiamme Gialle il 18 febbraio del 2014, infatti, la coop Viridia, società che sarebbe stata molto ‘vicina’ al ‘Compagno G’ e avrebbe lavorato anche nell’appalto per la ‘Piastra’ dell’Expo, mandò, scrive la Gdf, una e-mail a Greganti con la “copia di un’ offerta di noleggio relativa ad un’autovettura Audi A4”, scrivendogli anche: “In attesa di un cortese riscontro per definire il contratto”. L’auto, secondo la Gdf, è stata “trattata dalla cooperativa Viridia per una diretta utilità di Greganti“.