Vi ricordate del Club di Roma? Quello che aveva commissionato il famoso rapporto del 1972 intitolato ‘I limiti dello sviluppo. Quel rapporto che oggi, a distanza di più di 40 anni, si sta rivelando incredibilmente profetico, con la crisi che ci stiamo trovando di fronte, alti prezzi di tutte le materie prime, cambiamento climatico galoppante e tanti altri problemi. Tutte cose che, bene o male, quel vecchio rapporto del 1972 aveva visto (o perlomeno intravisto) ma, come succede quasi sempre con queste cose, si era preferito infamare il messaggero piuttosto che cercare di capire il messaggio.

Ma, nonostante le grandi polemiche create da quel primo rapporto, in tutti questi anni il Club di Roma non è affatto sparito; anzi ha continuato a studiare il problema delle risorse naturali e a produrre rapporti su quello che ci possiamo aspettare per il futuro. Quest’anno, il Club pubblica il suo 33-esimo rapporto con il titolo di Il pianeta saccheggiato’, scritto dal modesto sottoscritto, Ugo Bardi, che ha avuto l’onore di continuare la tradizione.

Il libro riprende molti dei temi dei “Limiti dello Sviluppo;” in particolare il graduale esaurimento delle risorse minerali e le sue conseguenze. E’ una storia completa di come la civiltà umana sia cresciuta sulla base di una disponibilità crescente di risorse minerali che, però, stanno cominciando a diventare costose da estrarre nelle gigantesche quantità di cui la civiltà industriale ha bisogno.

Il tema centrale del libro è che l’“esaurimento delle risorse” non è qualcosa che avviene all’improvviso; non succederà mai che ci troveremo ad accorgerci tutto ad un tratto che abbiamo “finito il petrolio” o qualcosa del genere. No; l’esaurimento è un problema graduale che ha cominciato a porsi molto tempo fa, che si sta ponendo oggi in modo pressante e che diventerà sempre più pressante nel futuro. Non è una questione di quantità; è una questione di costo e il costo di estrarre una risorsa minerale dipende principalmente dal costo dell’energia necessaria per estrarla. Estrarre sta diventando sempre più costoso, sia perché abbiamo esaurito le risorse “facili” da estrarre, sia perché l’energia che usiamo per l’estrazione ci arriva principalmente da risorse minerali in progressivo esaurimento: i combustibili fossili.

Così, siamo di fronte a un grande problema: quello di adattarsi a un mondo che non sarà più in grado di avere l’abbondanza di risorse alla quale ci eravamo abituati. La transizione verso questo mondo non è una scelta: è un obbligo creato dal progressivo esaurimento. L’unica alternativa che abbiamo è se gestiremo noi la transizione o se sarà la transizione a gestire noi; trascinandoci con la forza. Ma se riusciremo a gestire la transizione sulla base dell’energia pulita e rinnovabile, non è detto che questo mondo verso il quale ci stiamo dirigendo sarà così brutto. Meno abbondante, si, ma anche più tranquillo, più sano e più pulito – e se smettiamo di usare combustibili fossili avremo anche meno problemi con il riscaldamento globale.

Il rapporto al Club di Roma scritto da Ugo Bardi è disponibile per il momento soltanto nella versione in tedesco “Der Geplünderte Planet” pubblicata da Oekom. Una versione precedente in Italiano è stata pubblicata da Editori Riuniti nel 2011 con il titolo “La Terra Svuotata.” La presentazione ufficiale del nuovo rapporto sarà a Berlino, il 6 Giugno p.v. Per informazioni, vedi questo link