Non sono un vecchio porco” dice Memo Remigi. “Mi aspettavo delle scuse”, replica Jessica Morlacchi. A distanza di ventiquattrore dallo scoppio del “caso Remigi” a Oggi è un altro giorno, non accenna ad arrestarsi l’eco delle polemiche innescata dalla “palpatina” che il cantante 83enne ha dato in diretta tv alla Morlacchi. L’episodio è avvenuto una settimana fa ed è stato subito intercettato da un utente di Twitter, poi pochi giorni fa il tweet è stato ripreso da Striscia la Notizia e ieri Dagospia ha scoperchiato la verità sui nervi tesi che hanno portato i dirigenti Rai alla rescissione del contratto di Remigi, sospeso ufficialmente dalla trasmissione di Serena Bortone.

LE SCUSE DI MEMO REMIGI VIA SOCIAL

Nella giornata di ieri Memo Remigi ha provato a dare la sua versione dei fatti, prima in un post “istituzionale” sui social, poi in un’intervista a La zanzara, il programma di Radio24. “Ci tengo però a precisare che quanto accaduto, sicuramente mal riuscito rispetto ai suoi intenti, era soltanto un gesto innocente e scherzoso nei confronti di una stimata collega di lavoro. La mia storia, nota a tanti, racconta del rispetto che ho sempre avuto per il genere femminile per il quale ho scritto la maggior parte delle mie canzoni”, ha scritto l’artista su Instagram, nel lungo post non in cui si scusa a più riprese con Jessica Morlacchi. “Mai avrei compiuto un gesto che, ripeto, aveva un intento esclusivamente ludico e che non avrei mai pensato potesse essere equivocato in qualcosa di molto più grave. In tutti questi mesi abbiamo lavorato in un clima sereno, goliardico e spensierato che ci ha permesso di scherzare insieme durante le dirette del programma”.

“VECCHIO SÌ, PORCO NO”: LA DIFESA DELL’ARTISTA

E proprio di clima goliardico ha parlato anche a Giuseppe Cruciani nell’intervista a Radio24, dando una versione dei fatti diversa da quella espressa ieri mattina a Fanpage, dove ha rivelato di aver spostato la mano verso il sedere della Morlacchi perché le era caduto il microfono. Ora però derubrica la palpata ad una “pacchettina sul sedere”. “Era un segno di “buona trasmissione” come il “merda” che si dice, anche perché ho un rapporto piacevole e gradevole con i miei compagni di viaggio. Ma era già successo, durante le prove. C’è un rapporto di amicizia e goliardia tra noi – continua Remigi a La Zanzara – Non ho mai molestato nessuno e la sto provando a contattare ma non risponde. Non capisco perché”. E poi ancora, precisa di non essere un “vecchio libidinoso”: “Forse c’è rimasta male ma abbiamo sempre giocato e scherzato anche per rendere più piacevole il rapporto. Cazzo, scrivi sui social qualcosa e di’ che Remigi non è un vecchio libidinoso”. Quanto al licenziamento in diretta, l’ha preso con apparente filosofia: “Tutto fa spettacolo, anche questo. Io vecchio porco? Posso dire di essere vecchio ma non porco, è ingiusto che mi si accusi di questa stronzata, qui stanno montando una cosa al di fuori della normalità. Non esageriamo”.

LA REPLICA DI JESSICA MORLACCHI E IL COMUNICATO DELLA RAI

Ma tutta questa goliardia non si ritrova nello stringato commento di Jessica Morlacchi, riportato dal Corriere della Sera: «Sono molto dispiaciuta e mi aspettavo almeno delle scuse immediate. Non che si inventasse delle menzogne». Insomma, la (doppia) versione dei fatti di Remigi non è piaciuta alla diretta interessata, cui la Bortone ha espresso solidarietà in diretta tv. La Rai invece ha annunciato di aver risolto il contratto con Memo Remigi “a seguito di un comportamento in violazione del Codice Etico dell’Azienda, la Direzione Day Time aveva già deciso lo scorso sabato 22 ottobre la sospensione delle presenze nella trasmissione che è stata comunicata all’interessato. La Commissione stabile per il Codice Etico dell’Azienda ha confermato la violazione delle norme”. Memo Remigi, per ora, è fuori dalla Rai.

Articolo Precedente

Gf Vip, Alfonso Signorini rimprovera Pamela Prati: “Ti prego, non essere bugiarda! Io di balle non ne racconto. Dicci la verità!”

next
Articolo Successivo

Fiorello, incidente hot durante la rassegna stampa su Instagram: ecco cos’è successo

next