Ha attaccato l’Islam, non è una brava persona“. A parlare è l’aggressore di Salman Rushdie in un’intervista esclusiva del New York Post dal carcere. Hadi Matar ha aggiunto: “Non mi piace quell’uomo, ha attaccato le credenze degli islamici, il loro sistema di valori”, spiegando di “rispettare l’ayatollah, credo sia una grande persona”. L’aggressore di Rushdie – le cui condizioni sono in miglioramento – ha affermato di essere rimasto sorpreso dal fatto che sia sopravvissuto all’attentato. L’uomo ha poi negato di essere mai stato in contatto con i pasdaran iraniani, anche se ha ammesso di essersi “preparato” per l’attacco guardando video dello scrittore su YouTube.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Giovanna Mezzogiorno si è separata dal marito”. Lo sfogo: “Se lavoro di meno dicono che mi drogo e bevo”

next
Articolo Successivo

Mark Hoppus dei Blink-182: “Dopo la diagnosi di cancro ho pensato al suicidio”

next