Joe Biden? “Un criminale di guerra” che sta “alimentando il fuoco in Ucraina”. A dirlo è Roger Waters, il co-fondatore dei Pink Floyd, che in un’intervista alla Cnn per parlare del suo spettacolo dal titolo This is not a drill tour ha difeso Russia e Cina e criticato l’Occidente. L’intervistatore Michael Smerconish ha mostrato un momento dello spettacolo del musicista inglese in cui la figura di Biden appare dietro la scritta “war criminal: “Beh, sta alimentando la guerra in Ucraina”, ha risposto il musicista, “Questo è un crimine enorme. Perché gli Stati Uniti d’America non incoraggiano Zelensky a negoziare, ovviando alla necessità di questa orribile e orrenda guerra?“.

Smerconish ha fatto notare a Waters di “incolpare il partito che è stato invaso”, tuttavia l’artista ha replicato accusando la Nato di aver forzato la mano alla Russia. “Questa guerra riguarda fondamentalmente l’azione e la reazione della Nato che si spinge fino al confine russo, cosa che hanno promesso che non avrebbero fatto quando Gorbaciov ha negoziato il ritiro dell’URSS dall’intera Europa orientale”. L’ex Pink Floyd ha affrontato anche il tema del conflitto in corso tra Cina e Taiwan. Stando alle parole del musicista, Pechino “ha diritto a rivendicare la sovranità su Taiwan perché è parte della Cina”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Luca Barbarossa: “Non arrivavo a fine mese”. E quel consiglio di Morandi e Dalla che gli fece vincere Sanremo

next
Articolo Successivo

Ludovica Valli è incinta. Secondo bebè per l’ex tronista di “Uomini e Donne”: “Dietro questo pancino c’è una storia incredibile”

next