Prosegue con grande intensità il confronto armato fra Israele e la Jihad islamica a Gaza iniziato ieri, dopo giorni di elevata tensione, con l’uccisione di un responsabile militare della fazione islamica. Secondo il portavoce militare israeliano Ran Cochav è prevedibile che la operazione ‘Breaking Dawn’ proseguirà per almeno una settimana ancora. Da Gaza, ha riferito la radio militare, sono stati lanciati verso Israele finora oltre 160 razzi. Di essi, 30 sono caduti all’interno della Striscia, mentre 130 hanno varcato il confine: sessanta sono stati intercettati dal sistema di difesa Iron Dome (“che ha registrato una percentuale di successo del 95%”) e altri 30 sono finiti in mare. I rimanenti sono caduti in zone aperte. Nelle stesse ore Israele ha condotto 30 attacchi a Gaza, colpendo 40 obiettivi, “tutti della Jihad islamica”, secondo la radio militare.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Gaza, Israele lancia operazione militare contro la Jihad Islamica: almeno 10 morti, 19 arresti. L’organizzazione: “Colpiremo Tel Aviv”

next
Articolo Successivo

Ucraina, spento un reattore della centrale nucleare Zaporizhzhia: “Gravi rischi a causa dei bombardamenti”

next