Il primo di agosto è ufficialmente partita la Transafricana, una partenza che ci ha visto ospiti del Consolato Italiano di Città del Capo. Prima di raccontarvi i primi giorni di viaggio volevamo raccontare qualcosa di più sulla città di Cape Town e della Penisola del Capo.

Cape Town è una città magnifica dominata dalla Table Mountain e affacciata sull’Oceano Atlantico e il nostro viaggio, come quello di molti viaggiatori, non poteva che prendere il via da questa città. Città del Capo ha subito molte influenze, inglesi, olandesi e malesi, e tutto questo si ritrova nell’architettura e nella variegata cucina della città.

Come molte città africane, Cape Town è una città dai mille contrasti, le megaville affacciate sull’oceano e le cantine con vigne secolari si “scontrano” con le township, ossia le immense baraccopoli che sorgono nella periferia. Cape Town è una città rilassata, cosmopolita e divertente; inoltre è molto interessante da un punto di vista storico.

La Penisola del Capo, dove sorge Cape Town, è molto interessante dal punto di vista paesaggistico, naturalistico e, ancora una volta, storico; sulle sue sponde approdarono gli esploratori Vasco da Gama e Armando Diaz. Le acque agitate dell’Oceano Atlantico e le nebbie che si formano la mattina presto sono il luogo dove la leggenda vuole che si possano sentire il cigolare del vascello fantasma dell’Olandese Volante che, come molti altri, naufragò in queste acque.

La Penisola del Capo ospita una popolazione di simpatici pinguini, regala splendide spiagge di sabbia bianca e una strada, la Chapman’s Peak Drive, che è stata eletta come una delle 10 strade più scenografiche del mondo, un percorso emozionante su una strada scavata nella roccia a strapiombo sull’Oceano.

Tornando alla Transafricana, abbiamo iniziato il nostro viaggio verso nord percorrendo la N7 che corre parallela alla costa oceanica e collega Cape Town col confine della Namibia. La N7, oltre ad essere un’arteria importante, è la strada che attraversa la zona del Namaqua dove ogni anno, tra agosto e settembre, la natura regala uno straordinario spettacolo: la fioritura del deserto. Questo fenomeno si verifica grazie alle sporadiche piogge ma soprattutto grazie alle nebbie che si formano sulla costa. Il deserto del Karoo si colora così di mille colori, distese di margherite gialle, arancioni e rosa, oltre ad altre innumerevoli specie di fiori che dipingono un paesaggio incredibile.

Lungo la N7 si trova anche la cittadina di Clamwilliam, la capitale del Rooibos, un infuso che non manca mai durante i nostri viaggi. Durante questo tratto di viaggio ci siamo fermati spesso per un caffè, per pranzare o solamente per curiosare in diversi Padstal o Farm Stall. I Padstal sono nati come i banchetti delle varie fattorie che si mettevano lungo la strada per vendere i loro prodotti; oggi sono dei luoghi incredibili pieni di fascino.

Prima di entrare in un Padstal non si sa mai cosa si può trovare: prodotti locali come formaggi, marmellate, frutta, biscotti e torte, ma anche oggetti artigianali o creati con elementi di recupero, oppure alcuni oggetti di uso comune del passato, altri vendono piante che crescono in zona; è molto divertente gironzolare alla ricerca di qualche cosa da portarsi a casa come ricordo, noi compriamo sempre di tutto.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ucraina, spento un reattore della centrale nucleare Zaporizhzhia: “Gravi rischi a causa dei bombardamenti”

next