Come organizzare un viaggio come la Transafricana?

La Transafricana è il massimo dell’esplorazione attraverso il continente africano che un viaggio può offrire, una spedizione come questa è un’avventura intrepida ed emozionante da compiere ma anche da pianificare. Questi viaggi lunghi attraverso più paesi sono per loro stessa natura più complicati dei viaggi, passatemi il termine, standard; e nascondono alcune piccole insidie che è meglio evitare fin dalla fase di programmazione. Spedizioni di questa portata possono richiedere mesi di pianificazione e tempo speso a esaminare le mappe e discutere di percorsi e luoghi da includere lungo il percorso.

Utilizzando la nostra esperienza e con i nostri partner in ogni paese dell’Africa abbiamo definito un itinerario che tende a privilegiare aree meno battute dal turismo di massa e che ci permette di avere un buon mix tra animali, paesaggi, popolazioni e siti archeologici. Nonostante i nostri 20 anni di esperienza in Africa, ci sono alcune aree che non conosciamo così bene come altre, i partner locali sono fonti utili di informazioni. Inoltre siamo in contatto con le basi locali dei medici della Ong che sarà al nostro fianco, Rainbow4Africa, presente in numerosi paesi africani e in contatto con le ambasciate e i consolati italiani dei paesi che attraverseremo.

La sicurezza è uno dei punti imprescindibili del nostro progetto. Ovviamente non basta definire il percorso, è necessario avere dei mezzi affidabili, con pneumatici nuovi e ovviamente con tutta la manutenzione necessaria. Proprio per garantire la giusta manutenzione ai mezzi abbiamo dedicato tempo della pianificazione a trovare i luoghi dove poter trovare partner in grado di fornirci il giusto supporto meccanico.

L’acquisto e la preparazione di un veicolo per un lungo viaggio via terra è una cosa difficile da fare: non solo si deve scegliere il veicolo più adatto al percorso, ma deve anche essere comodo ed affidabile. Dopo l’acquisto di un veicolo potrebbe essere necessario un equipaggiamento aggiuntivo come ad esempio serbatoi d’acqua, supporti per la ruota di scorta, la seconda ruota di scorta, le piastre da sabbia, taniche aggiuntive per il carburante e box a tenuta stagna da poter utilizzare sul tetto. Dopo aver equipaggiato il veicolo questo deve essere assicurato e tutto ciò richiede un’enorme quantità di tempo e denaro. E’ noto che Toyota è la regina d’Africa e le nostre auto saranno dei Toyota Land Cruiser che da sempre sono ritenute tra le macchine più affidabili per affrontare quasi tutti i terreni.

Continuate a seguirci su ilfattoquotidiano.it e scoprirete se la nostra pianificazione ha superato tutti i test.

Articolo Precedente

Usa, corteo e sit-in davanti alla Casa Bianca per il diritto all’aborto. Protesta organizzata dal movimento Women’s March

next
Articolo Successivo

L’Africa, il neocontinente che aiutò l’Europa esangue a rialzarsi dalle due guerre

next