Ora che si sono lasciati alle spalle l’emozionante giorno delle nozze, avvenute lo scorso 30 luglio, Flora Canto ed Enrico Brignano possono godersi in tutta tranquillità la loro vita da marito e moglie circondati dall’amore dei loro cari e dei due figli, Martina e Niccolò. E la neo sposa può anche raccontare che poco prima di scambiarsi quel “sì” per la vita ci sono stati un paio di imprevisti che però si sono presto risolti. Intervistata dal settimanale Gente, Flora spiega: “La sera prima delle nozze, in un’atmosfera quasi sospesa, speciale, abbiamo dormito insieme nella villa. Una scelta di praticità: avendo due bambini piccoli, l’idea era di separarci al mattino per i preparativi. Peccato che alle sei ho aperto gli occhi perché ho sentito gocce di acqua sui vetri. Pensavo fosse la condensa, era pioggia. Dopo quaranta giorni di solleone, stava piovendo. Non mi sono più riaddormentata, in attesa della schiarita. Avevo appena tirato un sospiro di sollievo quando, alle 8:30, Enrico si è svegliato con il colpo della strega, non riusciva a stare diritto. Gli ho fatto una puntura per rimetterlo in piedi […]”. Il resto della giornata è scivolato via senza intoppi, tra gioia e commozione, come quando Brignano ha fatto proiettare un video che raccontava i momenti più belli della loro storia d’amore. L’attore ha inoltre sorpreso la moglie regalandole un bellissimo anello che la Canto aveva notato quando insieme alla sua dolce metà era andata a comprare le fedi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

È finita tra Guendalina Canessa e Claudio Tommasini. L’ex del Grande Fratello: “Ho dovuto lasciarlo andare”. Ecco che cosa è successo

next
Articolo Successivo

Tananai: “D’estate passavo le vacanze chiuso in casa a suonare. Oggi penso: quando mi ricapita che tante persone siano interessate a me?”

next