Era il 2016 quando Bert Weckhuysen, professore di Chimica inorganica e catalisi dell’Università di Utrect, preparò alcune lezioni video rispondendo ad alcune domande su sostenibilità, energia, materie prime e alimenti. Tra le domande ce ne era una destinata a diventare un tormentone negli anni successivi e ancora oggi nel 2022 molti vogliono sapere perché la punta dei coni gelato confezionati, a base di cioccolato, non andrebbe mangiata.

Ebbene quell’ultimo boccone che qualcuno addenta anche subito dopo aver scartato il cornetto, secondo lo scienziato, è ricco di acidi grassi saturi, notoriamente più dannosi per la salute. Senza contare che i coni preconfezionati sono normalmente pieni di zuccheri, conservanti e altri composti finiti più volte nel mirino della ricerca scientifica. Nel filmato sul sito dell’Università Weckhuysen, in olandese e davanti a un pubblico, spiega la sua ipotesi con schemi, modelli di molecole e altre informazioni che fanno riflettere sui processi di produzione industriale.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Torna il Jova Beach Party, una grande festa in spiaggia per unire: “Interconnessione tra testa e cuore”

next
Articolo Successivo

“Sei sempre aggressiva”: ecco cosa è accaduto veramente tra Elodie e Anna Pettinelli sul palco di Rds a Ostia

next