Alla vigilia della conferenza internazionale contro il transito di armi da porti e aeroporti civili che si terrà oggi in Parlamento europeo, la sede di Bruxelles della fondazione Rosa Luxemburg ha ospitato l’assemblea preparatoria della costruzione di una rete di informazione e condivisione sulle rotte delle armi per il contrasto della filiera che alimenta il traffico di armamenti verso scenari di guerra: “Il sistema della logistica delle armi è globalizzato come tutte le catene che producono valore – spiegano – per questo è urgente e necessario organizzarci per rendere internazionale anche la contestazione delle logiche di guerra”.

Alla proposta, lanciata dal Collettivo Autonomo dei Lavoratori Portuali di Genova, hanno risposto delegati sindacali e attivisti provenienti da Spagna, Francia, Germania, Grecia e Irlanda, che nel pomeriggio di ieri hanno condiviso informazioni e strategie di disobbedienza civile e iniziato a pianificare una “giornata internazionale di lotta contro il traffico di armi dai porti”. “Ricordiamo che le esportazioni di cui parliamo, dirette a Paesi in guerra, a norma di legge sarebbero vietate in Italia come nella maggior parte dei Paesi europei – spiega a ilFattoQuotidiano.it Carlo Tombola dell’Osservatorio Weapon Watch – di fatto, questi traffici sono estremamente remunerativi e vengono portati avanti con disinvoltura e impunità da parte di produttori ed esportatori di armamenti, con scarsi controlli e sostanziale disinteresse da parte delle autorità competenti”.

Per Manon Aubry, la copresidente del gruppo Left al Parlamento europeo, che ha convocato per questa mattina la conferenza internazionale “Porti e aeroporti civili, niente armi per guerre e oppressioni”, il fatto che la voce dei lavoratori che in diversi porti d’Europa hanno animato scioperi e azioni di disobbedienza civile contro il transito di armamenti è un primo passo importante: “Perché sono vertenze importanti sia sul piano etico che su quello dei diritti dei lavoratori, che raramente vengono ascoltati direttamente qui al Parlamento europeo”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Eurobarometro, con la guerra cresce l’attaccamento dei cittadini all’Ue: il 65% felice di farne parte. Dato più alto dal 2007

next
Articolo Successivo

Guerra in Ucraina, tre vertici di fila non fanno una pace

next