Sono 2 adulti e 19 bambini di età tra i 6 e i 10 anni le vittime della strage alla Robb Elementary School di Uvalde del Texas, compiuta il 24 maggio dallo studente 18enne Salvador Ramos. Gli adulti che hanno perso la vita nella sparatoria sono due insegnanti, Eva Mireles e Irma Garcia: Mireles aveva 44 anni e insegnava da 17 anni nel distretto scolastico di Uvalde. “Mia nipote ha perso la vita in una sparatoria insensata”, ha detto Lydia Martinez Delgado, zia di Eva Mireles, al New York Times. “Sono furiosa per il fatto che queste sparatorie continuino a esserci, i bambini sono innocenti e i fucili non dovrebbero essere alla portata di tutti”. E ha raccontato che Ruben Ruiz, marito della vittima, in quanto ufficiale di polizia aveva recentemente partecipato con i colleghi ad un’esercitazione di tiro “contro l’eventualità di una sparatoria a scuola”.

Irma Garcia aveva 46 anni ed era insegnante da 23. Il nipote l’ha ricordata sui social come un’eroina: “La mia “tia” non ce l’ha fatta, si è sacrificata proteggendo i bambini nella sua classe, vi prego di pensare alla mia famiglia quando pregate, Irma Garcia è il suo nome ed è morta da eroina. Ci mancherà davvero”. Nel 2019 Garcia era stata nominata “insegnante dell’anno” dal distretto scolastico della zona. Sul suo profilo scolastico si descriveva come una persona che “adora fare barbecue con il marito, ascoltare musica e fare crociere in campagna a Concan”. Aveva quattro figli.

Dei bambini rimasti uccisi nella sparatoria di Uvalde – la seconda per numero di vittime in una scuola americana dal massacro di Sandy Hook, in Connecticut, nel 2012 – sono stati identificati Amerie Jo Garza, Ellie Garcia, Xavier Lopez, Uziyah Garcia, Eliahana Torres, Makenna Elrod, Annabelle Rodriguez. Hanno tutti tra gli 8 e i 10 anni. Le autorità, riferisce la Cnn, non hanno ancora notificato a tutti i genitori la morte dei loro figli, perché gli esami del Dna sono ancora in corso: tra i dispersi ci sarebbero i nomi di Rogelio Torres e Nevaeh Bravo e Alithia Ramirez.

Per il Washington Post si aggiunge Jose Flores, anche lui di 10 anni. Suo zio, Christopher Salazar, ha detto al giornale: “Era un ragazzino molto felice. Amava entrambi i suoi genitori… e amava ridere e divertirsi”. A identificare Amerie Jo Garza, che aveva festeggiato il suo decimo compleanno poco più di quindici giorni fa, è stato invece il padre Angel: “Grazie a tutti per le preghiere e per l’aiuto nel tentativo di trovare la mia bambina” ha detto a ABC News. “È stata trovata. Il mio piccolo amore ora sta volando con gli angeli in alto. Per favore, non date un secondo per scontato. Abbracciate la vostra famiglia”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Guerra in Ucraina, filorussi entrano nel bunker dove si nascondeva il battaglione Azov a Mariupol

next
Articolo Successivo

Strage in Texas, il discorso accorato del senatore Usa ai propri colleghi: “Che stiamo facendo qui? Queste stragi succedono solo nel nostro Paese”

next