Nuovo appuntamento, nella giornata della seconda semifinale all’Eurovision Song Contest di Torino, con la campagna “Vittime di odio” promossa dal Dipartimento della pubblica sicurezza e Rai. In occasione del concerto LGBT all’Eurovillage, Diodato, Cristina d’Avena, le Karma B, e altri artisti, nella clip pubblicata sui canali social della Polizia di Stato, di Rai per il Sociale, Eurovision Rai e Rai1, invitano tutti a “far rumore” contro l’odio di genere e contro ogni forma di discriminazione e ad avere il coraggio di essere se’ stessi. Ognuno deve vedere nell’altro semplicemente una persona perche’ tutti hanno il diritto di sognare e di amare. Fino a sabato, all’Euro Village nel Parco del Valentino a Torino, la polizia postale e l’Oscad accolgono i tanti giovani presenti per parlare con loro di tolleranza e cultura della non discriminazione, affinché in futuro non esistano più differenze basate sull’orientamento sessuale o sul genere ma solo persone libere di vivere la propria vita.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bicarbonato per digerire dopo le abbuffate, la parola all’esperto: “Ecco perché non va mischiato con prodotti acidi, inclusa l’acqua frizzante”

next
Articolo Successivo

La Spagna dà tre giorni di congedo per i dolori mestruali. In Italia il ciclo è una colpa

next