“Mi rivolgo alle nostre forze armate e alla milizia del Donbass. State combattendo per la madrepatria, per il suo futuro, affinché nessuno dimentichi le lezioni della Seconda guerra mondiale. Affinché non ci sia posto nel mondo per i boia, i punitori e i nazisti”. È un passaggio del discorso di Vladimir Putin durante la parata del 9 maggio, che in Russia celebra il Giorno della vittoria (sulla Germania nazista). Il presidente russo si è rivolto a chi sta combattendo in Donbass.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Terremoti, scossa di magnitudo 6.4 al largo di Taiwan: non si segnalano danni o feriti

next
Articolo Successivo

Guerra Russia-Ucraina, il videomessaggio di Zelensky nel giorno della parata di Putin: “Presto avremo due giorni della Vittoria, altri no”

next