Manuel Bortuzzo e Lulù Selassiè si sono lasciati, ma la curiosità sulla fine della loro storia d’amore non accenna a spegnersi. Dopo aver annunciato la rottura con un comunicato stampa, l’ex nuotatore torna a parlare della principessa in un’intervista rilasciata a Tv Sorrisi e Canzoni: “È finita per divergenze di vedute che non possono essere superate. Ci abbiamo provato, ma la nostra storia resta una bellissima parentesi, non ha saputo trovare riscontro nella vita reale”. Manuel non aggiunge dettagli alla versione diffusa, e tralascia le voci che darebbero a suo padre parte delle responsabilità.

Anche Lulù ha aggiornato i suoi followers, sempre curiosi di saperne di più sul rapporto con Bortuzzo e, durante una diretta su Instagram ha raccontato: “Tra qualche giorno è il compleanno di Manu. Manu non ha colpe per questo, non sono arrabbiata con lui. Mi conoscete se fossi stata arrabbiata glielo avrei detto. Sapete come sono fatta quando mi girano, quindi davvero non ce l’ho con lui. Gli voglio molto bene e spero sia felice nel giorno del suo compleanno”. Nessun risentimento nei confronti di Manuel, eppure la Princess non nasconde di stare passando giornate difficili: “Mi ha aiutata molto il vostro affetto in questo periodo. Sto vivendo un momento particolare, non dormo tanto. Però non preoccupatevi, non è che sto morendo, ma sono molto triste”.

Entrambi sono molto concentrati sul lavoro e Manuel si prepara alla messa in onda del film sulla sua storia. L’8 maggio, infatti, verrà trasmesso su Rai1 Rinascere: “Alessio Boni è perfetto nel ruolo di mio padre Franco e Giancarlo Commare, anche se è più grande di me, ha studiato nei minimi dettagli i video che mio padre gli ha fornito. Nel film gesticola come me ed è identico a me quando si morde il labbro. Non è facile interpretare una persona paralizzata. Siamo diventati amici perché è un ragazzo d’oro, solare e meticoloso”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Eurovision 2022, c’è il FantaEurovision: ecco le regole e che cos’è il bonus “Mammamia”

next
Articolo Successivo

Denise Pipitone, Antonia Cerasela non è la figlia di Piera Maggio: il test del Dna sulla ragazza rom è negativo

next