“Mai più schiavi, otto ore di lavoro per cinque giorni alla settimana” le rivendicazioni dei lavoratori della zona industriale di Prato scesi in piazza con il sindacato SiCobas, per celebrare il giorno della Festa del lavoro, a pochi passi dalle fabbriche dove sono impiegati centinaia di operai per 12 ore, senza giorni di riposo, ferie o malattia. La conquista delle otto lavorative sembra dimenticata nel distretto del tessile, che solo negli ultimi quattro anni ha visto l’intervento sindacale del SiCobas in oltre 15 aziende: “A chi dice o lascia intendere, anche tra le istituzioni, che maggiori tutele e il rispetto del contratto nazionale e dei diritti garantiti metterebbero in crisi un settore strategico del made in Italy – rivendica il sindacalista di base Luca Toscano – la migliore risposta che possiamo dargli sono le vertenze vinte in questi anni”. Dove prima gli ispettori del lavoro certificavano turni da 12 fino a 14 ore tutti i giorni, largo uso di lavoro nero e altri elementi di irregolarità, oggi sono più attenti: “Eppure continuano a lavorare senza problemi, questo significa che chi difende un certo metodo di lavoro basato sullo sfruttamento – spiegano dal SiCobas – difende solo i profitti di chi lavora abusando degli operai, facendo anche concorrenza sleale a chi invece segue le regole”. In questi giorni ha fatto scalpore la vicenda dei cinque dipendenti di due magazzini “Pronto moda” di Campi Bisenzio, licenziati per aver chiesto un giorno di riposo a Pasquetta, oggi le aziende sono state sanzionate ma continuano a lavorare: “Servono nuove regole che tutelino gli sfruttati – spiegano dal sindacato – perché limitarsi a emanare sanzioni non è un problema per aziende che traggono più profitto dal lavoro irregolare di quanto non gli costi pagare le multe in caso di controlli”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, accessibile a tutti.
Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte con idee, testimonianze e partecipazione.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Istat: “A marzo occupati oltre i livelli pre Covid, superano i 23 milioni. Crescita trainata da giovani e donne. Precari al nuovo massimo”

next
Articolo Successivo

Incidenti sul lavoro, operaio muore mentre lavorava nella casa della ministra Marta Cartabia in Valle d’Aosta

next