Dall’inizio della guerra in Ucraina, sono circa 425.227 le persone arrivate in Moldavia, di cui il 40% ha intenzione di fermarsi nel Paese. I tre quarti dei rifugiati in Moldavia sono stati accolti in famiglia o tramite reti informali, mentre la parte restante è accolta in edifici messi a disposizione dal governo per l’accoglienza. Molti sono assistiti al loro arrivo dagli operatori di Intersos, che hanno allestito anche una clinica mobile per offrire aiuto e assistenza medica alle persone in fuga. La Moldavia, considerato il più povero dell’area geografica europea, accoglie al momento il maggior numero di rifugiati in rapporto alla popolazione locale che non arriva neppure a due milioni. Palanca e Tudora sono due tra i valichi di frontiera di accesso che separano la Moldavia dall’Ucraina, la posizione geografica a sud-est li colloca molto vicino alle città di Odessa e di Mykolaiv, da dove nelle ultime settimane stanno aumentando le persone in fuga, una volta superato quel confine chi fugge trova un primo soccorso da parte dei volontari e delle organizzazioni umanitarie.

Servizio dell’ong Intersos realizzato da Martina Martelloni

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Influenza aviaria, prima infezione di un essere umano in Cina. Le autorità: “Rischio contagio basso”

next
Articolo Successivo

Guerra in Ucraina, incendio ed esplosioni in un deposito di munizioni in Russia – Video

next