Ferrero ha deciso di chiudere temporaneamente lo stabilimento di Arlon, in Belgio, al centro dei casi sospetti di salmonella che negli ultimi giorni ha portato al ritiro di diversi prodotti Kinder in molti Paesi europei, compresa l’Italia. La sospensione delle attività è stata decisa a scopo precauzionale e riprenderà non appena l’azienda otterrà il via libera delle autorità sanitarie. “Questa è l’unica e giusta decisione da prendere per garantire il massimo livello di sicurezza alimentare ed eliminare il rischio di ulteriore contaminazione”, si legge in un comunicato pubblicato sul sito francese della società di Alba, dove si spiega inoltre che con “effetto immediato” viene richiamata “l’intera produzione” di Kinder Surprise, Kinder Mini Eggs, Kinder Surprise Maxi 100g e Kinder Schoko-Bons prodotti ad Arlon. I richiami riguardano anche l’Italia con riferimento ai prodotti Kinder Sorpresa T6 “Pulcini”, Kinder Sorpresa Maxi 100g “Puffi” e “Miraculous” e Kinder Schoko-Bons.

Ferrero “riconosce che si sono verificati guasti interni, che hanno causato ritardi nel recupero e nella condivisione delle informazioni in modo tempestivo”. Questo, scrive la società, ha “influito sulla velocità e l’efficienza delle indagini”. Lo stabilimento di Arlon rappresenta circa il 7% del volume totale dei prodotti Kinder fabbricati in tutto il mondo. “Siamo profondamente dispiaciuti per questa faccenda – scrive l’azienda – Vorremmo scusarci sinceramente con tutti i nostri consumatori e partner commerciali e ringraziare le autorità per la sicurezza alimentare per i loro preziosi consigli”. Quando accaduto “colpisce i nostri valori” e “adotteremo tutte le misure necessarie per preservare la piena fiducia dei nostri consumatori”, si legge ancora nel comunicato.

Gli ultimi ritiri decisi dal gruppo riguardano i prodotti Kinder Schoko-Bons e Kinder Happy Moments con i numeri di determinati lotti di produzione, che sono in vendita in Serbia e Montenegro. “Anche se, dopo aver testato i prodotti Kinder immessi sul mercato, nessuno di loro è risultato positivo alla salmonella né abbiamo ricevuto alcun reclamo da parte dei consumatori, prendiamo questa situazione molto seriamente poiché la cura e la sicurezza dei consumatori è sempre stata la nostra priorità”, conclude Ferrero. Tutti gli altri prodotti Ferrero, compresi i prodotti Kinder dedicati alla Pasqua e tutte le caratterizzazioni della ricorrenza pasquale, non sono coinvolti dal richiamo. L’azienda intende, inoltre, rassicurare di non aver ricevuto negli ultimi 6 mesi in Italia contatti di consumatori o reclami per indisposizione a seguito di consumo di prodotti Kinder.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Strage di Kramatorsk | Il nome del missile, le caratteristiche, le dotazioni di Kiev e Mosca: tra scambio di accuse e l’ipotesi della falsa pista, ecco cosa sappiamo finora

next