Le sanzioni non sono sufficienti, anche se siamo molto grati per questo. Il piano aggressivo della Russia non è ancora crollato ed è comprensibile perché il mondo è in silenzio dopo che due centrali nucleari sono state attaccate, stiamo solo sentendo parole e questo non è abbastanza“. Sono le parole del presidente dell’Ucraina, Volodymyr Zelensky, in video collegamento da Kiev con i leader dei Paesi nordici e baltici della Joint Expeditionary Force, radunati oggi a Londra dal premier britannico Boris Johnson. “Sono grato – continua Zelensky – a ogni Paese che ha preso una posizione morale contro la macchina da guerra russa, possiamo anche fermarla e possiamo fermare l’uccisione di persone e sarà più facile farlo insieme. Ma dobbiamo farlo ora perché altrimenti attaccheranno anche voi”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ucraina, la Nato può e deve intervenire in difesa delle democrazie. Ecco come secondo me

next