Facce scure tra i parlamentari del centrodestra, imbarazzi evidenti, colloqui trasversali tra i gruppi. Dopo il flop della tentata spallata da parte di Forza Italia, Lega e Fratelli d’Italia nel nome di Maria Elisabetta Alberti Casellati, con la seconda carica dello Stato affossata da 71 franchi tiratori, il clima in Aula è gelido nel corso della sesta votazione. Soprattutto tra i partiti della coalizione, andata in frantumi nel voto segreto, che ha deciso di astenersi.

Salvini – impegnato negli incontri riservati con Enrico Letta e Giuseppe Conte nel tentativo di trovare un’intesa – nemmeno si presenta a votare, Giorgia Meloni lo fa soltanto alla fine, dopo i delegati regionali. Accanto le passa Giovanni Toti, leader di Cambiamo, e i due alleati si ignorano. E non è un caso, dato che dopo la quinta votazione in casa centrodestra era già arrivato il tempo delle accuse incrociate, con gli stessi Fratelli d’Italia che si sono scagliati contro forzisti e centristi di aver tradito Casellati, facendole mancare i voti. E in Aula non manca nemmeno chi mostra con gesti eloquenti il proprio disappunto per la votazione flop, come il forzista Renato Schifani, accanto al collega di Cambiamo-Coraggio Italia, Gaetano Quagliariello.

In Aula diversi i capannelli bipartisan. La capogruppo di Forza Italia, Annamaria Bernini (già accusata dentro il gruppo di Fi di aver tramato contro Casellati, ndr) si è intrattenuta con deputati e senatori di Italia Viva e Pd, compreso il capogruppo renziano al Senato Davide Faraone. “Abbiamo aperto una trattativa con il centrosinistra, vediamo”, ha poi dichiarato ai cronisti in Transatlantico. Matteo Renzi, invece, dopo aver votato si è intrattenuto con due leghisti, l’ex sottosegretario Stefano Candiani e il capogruppo al Senato Massimiliano Romeo e non solo. E pure Pierferdinando Casini – le cui quotazioni sembravano poter risalire dopo il flop Casellati – sembrava far ‘campagna elettorale”, intrattenendosi a conversare a lungo con parlamentari di Pd, Lega e Forza Italia, dai leghisti Gianmarco Centinaio e Stefano Candiani a Francesco Verducci, esponente dei Giovani Turchi, corrente del Pd guidata da Matteo Orfini.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Casellati sotto le macerie della destra: “Salvini ci ha portato in un vicolo cieco e Meloni lo ha mandato a sbattere. Ora nome condiviso”

next
Articolo Successivo

Regeni, quando Belloni e Gentiloni sbugiardarono Renzi: “Io premier lo seppi il 31 gennaio”. “La Farnesina ci lavorava dal 25” – Le audizioni di novembre 2020

next