“L’è mei un fiol leder che un fiol buson”. Meglio un figlio ladro che un figlio busone. Quant’acqua è passata sotto i ponti italiani sulla questione omosessuale in nemmeno 40 anni. Let’s kiss – Franco Grillini storia di una rivoluzione gentile, il documentario di Filippo Vendemmiati su uno dei leader politici più riconosciuti del mondo gay, è una sorta di prisma di questa complessa, sofferta, ma anche giocosa trasformazione della cultura e dei costumi del nostro paese. No, perché lo slogan del figlio ladro in chiave autoironica la usavano proprio i primi eburnei avamposti dell’Arcigay di Bologna, tra cui Grillini, alla fine degli anni settanta, quando il mondo cominciò a tingersi di arcobaleno. Lotta dura senza paura nella Bologna comunista, ma anche un valzer col sindaco, un condom in regalo, un “ci piace di più il papa col tutù”.

L’elastico temporale si allunga e si allarga dentro, attorno e oltre al magma del cambiamento per mostrare cosa significasse dire cosa si era nel profondo e cosa si provava sentimentalmente quando dirlo costava scandalo e ripudio sociale. Grillini, l’uomo dai mille soprannomi, il bistecca, il figlio laureato di genitori contadini, il marxista che ha usato i partiti come un taxi, il bidello che si vestiva come un fagotto, il signore dagli occhiali “coi vetri antiproiettile”, è la prima linea, il centravanti di sfondamento nel disgelo tra identità omosessuale e lotta di classe nelle dotta Bologna che fa il ’77. La rivoluzione politica è anche sessuale è ancora: omosex.

“I diritti civili sono alla pari dei diritti sociali”, dice Grillini. L’albo dei ricordi che sfoglia Vendemmiati è archivio di un accordo politico lungimirante (l’Arcigay di Bologna e le allora amministrazioni Zangheri e Imbeni), ma anche frammenti tv che ricordano quanto eravamo stolti. Un Grillini mai visto da Funari, tutti aboccaperta, dove casalinghe e geometri del catasto fanno no no col ditino per dire che gay si diventa, figuriamoci se si nasce e i figli vanno protetti dalla malattia. Pioniere Funari e pioniere Grillini. Leader ovunque, anche quando la lotta si fa difesa del virus dell’Aids e all’arrivo del ministro della sanità democristiano di allora, Donat Cattin, uno che non volle pubblicamente pubblicizzare i preservativi “perché si rompono e sbordano”, inizia a distribuire gratis in pubblico, sotto le Due Torri, centinaia e centinaia di profilattici, e senza volere a salvare vite omo o etero che sia, ignare del flagello di fine novecento. Grillini parlamentare, consigliere provinciale e regionale, le lacrime personali e le vittorie di gruppo. Grillini architrave anticlericale, supereroe contro il male sessuofobico e contro lo stigma omosex che poi la tv fece quadretto pro o contro Giovanardi. Let’s kiss come bacio platonico, di avvicinamento umano, di abbattimento dei confini fisici, di progressione sociale dei sentimenti. Al profumo di tagliatelle e tortelloni che non guasta mai. Nelle sale italiane dal 31 gennaio.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ennio: The Maestro, tutta la vita di Morricone nell’omaggio di Giuseppe Tornatore

next
Articolo Successivo

Ennio Morricone, il figlio Marco: “Non ci si improvvisa musicisti. Mio padre odiava i dilettanti. Mi diceva sempre: ‘Studiate'”

next