Raoul Bova a processo. L’attore è stato rinviato a giudizio con l’accusa di violenza privata, minacce e lesioni per aver aggredito un automobilista – anche lui imputato per violenza privata – che con una manovra azzardata ha rischiato di investire la sua fidanzata Rocio Munoz Morales. I fatti risalgono al 27 aprile del 2019: erano circa le 13 e l’attore era appena uscito dal ristorante “I Vitelloni” nel quartiere San Giovanni di Roma insieme alla sorella Tiziana Bova e alla compagna quando una macchina è spuntata all’improvviso e si è infilata in un parcheggio sfiorando letteralmente Rocio.

Secondo quanto riferisce il Corriere della Sera, dalla ricostruzione della Procura è stato accertato che a quel punto Raoul Bova perse le staffe, urlando all’automobilista – Matteo Vincenzo Cartolano, 42 anni -: “Ma hai visto cos’hai fatto? Ti sistemo, t’ammazzo“. A quel punto Cartolano, anziché scusarsi, ha replicato sostenendo con tono arrogante di essere un avvocato: l’attore, completamente fuori di se, allora lo ha fatto scendere dall’auto e gli ha tirato un pugno sulla spalla (giudicato guaribile in 5 giorni). Adesso sia Bova che Cartolano sono imputati nel processo, mentre Rocio Morales si è costituita parte civile.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Scandalo Epstein, spunta una donna pronta a testimoniare contro il principe Andrea: nuovi guai per figlio della regina Elisabetta

next
Articolo Successivo

Grande Fratello Vip, Delia Duran contro Soleil Sorge: “Alex Belli mi ha detto cosa è accaduto sotto le coperte, adesso tu devi dire la verità”. Lei replica così

next