Marcello Vernola, ex presidente della provincia di Bari ed ex eurodeputato è il nuovo direttore generale della provincia di Taranto. Docente universitario e avvocato amministrativista, Vernola è stato nominato qualche ora fa. La nomina è stata firmata dal presidente dell’ente locale ionico, Giovanni Gugliotti. Nel curriculum dell’ex politico, però, c’è anche il coinvolgimento in un’inchiesta per una maxi frode da 15 milioni. L’indagine condotta dai finanzieri di Bari, nell’estate 2020 portò al sequestro di beni mobili e immobili nei confronti di quattro persone coinvolte nell’inchiesta insieme a Vernola: secondo l’accusa la società nella quale operava Vernola avrebbe costruito a tavolino una serie di operazioni con società “cartiere” per evitare il pagamento dell’Iva allo Stato.

Interpellato da Ilfattoquotidiano.it, l’avvocato Mariano Fiore che difende Vernola, ha spiegato che nonostante il tempo trascorso, l’inchiesta non è ancora formalmente chiusa e che ai magistrati è stata chiarita la posizione di Vernola. “Il mio cliente – ha spiegato l’avvocato Fiore – è stato prima consulente e poi legale della società, ma i fatti contestati dall’accusa si riferiscono a periodi precedenti rispetto al ruolo di Vernola”. Al momento, comunque, il nuovo direttore generale della Provincia di Taranto è ancora formalmente indagato.

Un fatto noto al presidente Gugliotti, esponente del centrodestra che guida la Provincia e che resta garantista. “So del coinvolgimento di Vernola in un’inchiesta, ma la Costituzione dice che siamo innocenti fino al terzo grado di giudizio. Se facessimo riferimento alla legge Severino dovremmo valutare una sentenza di primo grado, che non c’è. Se proprio volessimo fare i giustizialisti potremmo valutare un rinvio a giudizio, ma in questa vicenda non c’è ancora neppure questo”. Per Gugliotti, insomma, anche la questione di opportunità politica è esclusa. “Ho scelto Vernola – ha aggiunto il presidente Gugliotti – per la sua esperienza da amministratore e le confido che, già nei primi anni del 2000, facevo esperienza insieme a tanti altri giovani con un’associazione che era presieduta proprio da Vernola”. Una valutazione che insomma parte da lontano e continua ancora oggi ma che nella provincia tarantina sembra destinata a sollevare un gran polverone.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Quirinale, Conte all’assemblea M5s: “Un paletto è che il governo non perda giorni di lavoro. Draghi è idoneo, ma ora è premier in una fase complessa. Dialogo? Anche con Salvini”

next
Articolo Successivo

Regione Sicilia, Musumeci fa dietrofront dopo le minacce: niente azzeramento della giunta

next