L’inflazione sta mettendo a nudo una verità dura da digerire: per più di 10 anni la politica della Riserva Federale è stata dettata dai bisogni di Wall Street e non da quelli della popolazione. Adesso che l’indice dei prezzi ha ricominciato a salire e che l’aumento del costo della vita minaccia di intaccare ulteriormente la popolarità dell’amministrazione Biden, il partito democratico, che de facto è alla guida del paese, fa pressione per un cambio di rotta. Il timore è perdere non solo le elezioni di mid-term ma anche le presidenziali.

Entro marzo, dunque, ci si aspetta la fine della politica di acquisto di titoli da parte della Fed e l’aumento dei tassi d’interesse. Mossa rischiosissima, potrebbe infatti far deragliare l’anemica ripresa post-pandemica, ma necessaria, a novembre l’inflazione e’ salita dell’6,8 per cento rispetto al 2020, il tasso più elevato dal 1982.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Migranti, controlli tra Paesi europei e rimpatri più facili negli Stati di primo ingresso: l’ultima bozza Ue che penalizza l’Italia

next
Articolo Successivo

Covid, gli Usa inseriscono anche l’Italia nella lista dei paesi in cui è rischioso viaggiare. Da inizio pandemia morte 800mila persone

next