Vaccini nei supermercati e nelle stazioni. Era stato Guido Bertolaso, lo scorso 17 novembre, ad annunciare l’intenzione della Regione Lombardia di chiedere questi spazi per dedicarli alla campagna vaccinale. Per la terza fase della campagna aveva detto il coordinatore “abbiamo immaginato di organizzare dei centri vaccinali nella grande distribuzione organizzata della Lombardia e in due stazioni della metro” a Milano. E così cinque supermercati Esselunga tra Milano e hinterland diventeranno hub. Nei punti vendita di viale Rubattino e via dei Missaglia nel capoluogo, di San Donato, Pioltello e Pantigliate nell’hinterland verranno aperte le linee vaccinali. L’obiettivo è quello di somministrare le terze dosi.

Ats Milano ha pubblicato un bando per individuare enti privati accreditati e a contratto e cooperative di medici di base disposti a gestire uno dei centri allestiti nei supermercati e nelle stazioni. Senza operatori sanitari, infatti, gli hub non possono aprire. Il Pirellone chiede a chi si propone di gestire gli hub di tenere aperte le linee vaccinali per almeno 12 ore al giorno e sei giorni alla settimana. È preferibile, tuttavia, che le strutture lavorino sette giorni su sette. Il termine per presentare le proposte è lunedì 6 dicembre, stesso giorno in cui entrerà in vigore il super green pass.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Green pass, Ricciardi: “Se sarà necessario dovremo diffondere l’obbligo. Penso ai posti di lavoro e mezzi pubblici”

next
Articolo Successivo

Green pass, sequestrati altri 107 certificati rilasciati dopo false vaccinazioni

next