Alessandro Minutella non è più un prete della Chiesa cattolica. Il controverso ex-parroco, adesso semplice laico, ha segnato un’altra tappa nella sua crociata contro papa Francesco e la sua chiesa, definendo “eretici e indegni di esercitare il loro ruolo di pastori” tutti i suoi sostenitori in un video caricato sul suo canale Youtube che gli è costato le dimissioni dall’ufficio clericale.

Questa sua battaglia era iniziata nel 2017, a quattro anni dall’elezione del primo Papa non europeo nella storia della Chiesa avvenuta dopo le dimissioni di Joseph Ratzinger. E per Alessandro Minutella, allora don Minutella, Benedetto XVI era l’unico a poter salvare la Chiesa che con l’avvento di Jose Mario Bergoglio al soglio pontificio era diventata “falsa, vuota e progressista“. Così aveva chiamato a raccolta tutti i conservatori per un grande incontro a Verona il 22 aprile 2017, appello lanciato dalla pagina Facebook di Radio Domina Nostra, la sua cappella. Una chiamata rivolta a tutti “i milioni di cattolici stufi delle aperture di questa falsa Chiesa” che gli era valsa la rimozione dall’incarico di parroco nella comunità di Domina Nostra a Palermo, deciso dal vescovo palermitano Corrado Lorefice.

Questo severo provvedimento non ha fatto altro che alimentare la protesta del parroco, che aveva continuato a inveire contro il Papa, il vescovo Lorefice e tutta la chiesa sul suo canale personale. Così, nel 2018 era stato scomunicato per eresia e scisma, atto notificato dall’arcidiocesi siciliana. Minutella però continuava ad alimentare il suo movimento scissionista che stava creando un piccolo credo palermitano parallelo a quello ufficiale. Da qui la decisione finale presa nella giornata di mercoledì e comunicata in mattinata dallo stesso (ex) don Minutella, che neanche adesso rinuncia a una nota polemica: “Il vescovo di Palermo, Corrado Lorefice mi ha notificato che sono stato ridotto allo stato laicale. È l’ultima sanzione canonica a disposizione da quella che si dice essere la Chiesa della Misericordia, la Chiesa del dialogo”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

LA PROFEZIA DEL DON

di Don Gallo e Loris Mazzetti 12€ Acquista
Articolo Precedente

Covid, report Gimbe: ‘Richiami vaccinali in ritardo. In 22,6 milioni devono farla entro il 31 dicembre: servono 610mila iniezioni al giorno’

next
Articolo Successivo

Vaccino Covid, Ema dà il via libera a Pfizer per i bambini tra i 5 e gli 11 anni

next