Per 85 minuti venerdi scorso Kamala Harris è stata la prima donna a detenere i poteri del presidente degli Stati Uniti. E’ successo mentre il 79enne Joe Biden era sotto anestesia per una colonscopia di routine. Subito dopo, però, la vice-presidente è tornata nell’ombra dove l’amministrazione Biden e il partito democratico l’hanno relegata.

Secondo diverse indagini di opinione la Harris piace ad appena il 28 per cento degli americani mentre solo il 36 per cento è favorevole al secondo mandato di Joe Biden, giudicato troppo vecchio e troppo poco carismatico. Con questi numeri la doppietta Biden-Harris perderà le prossime elezioni. Soluzione del problema; rimuovere dalla carica di vice-presidente la Harris, usata per ottenere il voto degli afro-americani, possibilmente con una nomina alla corte suprema appena si libera un posto, e sostituirla con il futuro candidato democratico alle presidenziali. La corsa alla Casa Bianca è già iniziata, i nomi dei contenenti li sapremo a breve ma una cosa è certa, la vice-presidente “usa e getta” non vi partecipa.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Covid, Oms: “L’Europa supererà i 2,2 milioni di morti entro marzo. Pressione sulle terapie intensive”. Già piene in Olanda e Germania

next
Articolo Successivo

Malcolm X, la figlia Malikah Shabbaz trovata morta in casa. La polizia: “Cause naturali”

next