Lo scotto da pagare quando si ha molto successo è inevitabilmente quello delle critiche. E Zerocalcare, all’anagrafe Michele Rech, non fa eccezione. La sua serie Strappare lungo i bordi – uscita su Netflix il 17 novembre – è diventata già un cult, finendo in cima ai contenuti più visti in Italia. Oltre ai numerosi commenti positivi, ne sono arrivati anche alcuni negativi che riguardano l’uso del dialetto romanesco. Per qualcuno, infatti, è stato eccessivo. Nella mattinata di ieri 22 novembre, il fumettista (in realtà nato ad Arezzo ma romano d’adozione) ha replicato su Twitter, scrivendo: “Madonna rega come ve va de ingarellavve su sta cosa”. Ovvero: “Come vi va di discutere di questa cosa”. Effettivamente…

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, accessibile a tutti.
Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte con idee, testimonianze e partecipazione.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Kevin Spacey deve dare 30 milioni di euro alla società produttrice di House of Cards

next
Articolo Successivo

“Mutandina in pizzo trovata sul pavimento dei corridoi della Rai”, l’indiscrezione ‘hot’ lanciata da Dagospia

next