È guerra tra i sindacati e il ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi. Da ieri quattro sigle (Flc Cgil; Uil; Snals e Gilda) hanno proclamato lo stato di agitazione e minacciato lo sciopero. La luna di miele con il professore ferrarese tanto invocata dalle organizzazioni sindacali dopo il periodo conflittuale con l’ex ministra Lucia Azzolina, è finita da tempo ma ora in vista dell’incontro di giovedì convocato dall’inquilino di viale Trastevere, siamo ai ferri corti. Nessuno dei segretari, nemmeno Maddalena Gissi della Cisl Scuola che si è sfilata dagli altri riguardo l’eventuale mobilitazione, è soddisfatto dei contenuti del Disegno di Legge di Bilancio.

Sinopoli non le manda a dire: “Le risorse in manovra per una vera valorizzazione del personale docente infatti, non solo sono insufficienti, ma addirittura gravate da ipoteche ideologiche e lesive della libera contrattazione fra le parti negoziali, dal momento che i quattro spicci che si “concedono” devono essere erogati esclusivamente a quel personale che mostra “dedizione” al lavoro. Una definizione patetica che richiama la fallimentare stagione renziana, un insulto a chi lavora ogni giorno e ha dimostrato nella pandemia quanto sia centrale il lavoro a scuola per il Paese”.

Parole pesanti che non sono state gradite ai vertici del ministero che deve comunque fare i conti anche con le dichiarazioni di Gissi: “Un testo che non dà efficaci risposte ai problemi, più volte evidenziati, del sistema di istruzione e formazione, né consente di avviare politiche significative di valorizzazione delle professionalità che vi operano, in totale incoerenza rispetto ad annunci e impegni sottoscritti nel Patto del 24 agosto per la scuola al centro del Paese. E mentre rimangono del tutto insufficienti le risorse per il rinnovo contrattuale, si ripropone per la scuola una logica di interventi a costo zero che non risolvono le criticità esistenti, rischiando addirittura di aggravarle”.

Una bocciatura da tutti i fronti. I punti che il sindacato mette in discussione sono tanti. La Cisl metterà sul tavolo del ministro, in primis, queste quattro questioni: misure a sistema, escludendo modalità di compensazione autofinanziata, per il contenimento e la riduzione del numero di alunni per classe; la conferma degli organici Covid fino a giugno, anche per il personale Ata e non solo per i docenti; la soluzione definitiva per l’annosa questione del Fondo unico nazionale per la dirigenza scolastica e la revisione delle disposizioni riguardanti l’utilizzo di docenti per l’educazione motoria nella primaria, escludendo ogni forma di compensazione nelle consistenze di organico.

Dal fronte della Cgil ci sarà battaglia sulle retribuzioni: “Da tempo – spiega Sinopoli – ormai abbiamo sollevato la questione dell’equiparazione degli stipendi dei docenti a quelli dei colleghi europei e a quelli dei pari grado degli altri settori pubblici”. Altri problemi sono stati posti da Giuseppe Turi (Uil), Elvira Serafini (Snals) e Rino Di Meglio (Gilda) insieme alla Flc nella lettera spedita a Bianchi per annunciare un possibile sciopero: risorse per il rinnovo del contratto, quelle da inserire nella Legge di Bilancio e interventi normativi destinati al personale per l’eliminazione di vincoli e strettoie burocratiche, sono i nodi da scogliere.

Intanto l’incontro di giovedì, prima annunciato per domani, sarà ad alta tensione; non è detto che i quattro segretari firmatari della missiva che proclama lo stato di agitazione e la sospensione “transitoria” delle relazioni sindacali con il ministero si siedano al tavolo con il ministro. Uno scontro che potrebbe portare al primo sciopero unitario della scuola nell’era di Mario Draghi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Scuola, più difficile trovare lavoro dopo il diploma durante pandemia: fino a -8% al Nord, bassi i numeri del Sud. Il rapporto Eduscopio

next
Articolo Successivo

“Università palestre di sfruttamento, si parla del nostro futuro sempre senza di noi”. La denuncia della studentessa di Siena davanti a Mattarella

next