Un duro (e prevedibile) botta e risposta tra Myrta Merlino e Fabio Tuiach nello studio di L’Aria Che Tira. Nella puntata di oggi 15 novembre l’ormai ex portuale No Green Pass ha esordito: “Ho preso il Covid, ma è stata un’influenza come tutte le altre, forse un po’ più lunga ma ecco, niente di più. L’ho passato a mia moglie, a tutta la mia famiglia, solo un’influenza“. “Cioè lei mi sta dicendo: tutto questo casino per il Covid che è solo un’influenza? Però mi scusi: anche io ho diversi amici che si sono presi il Covid ed è stata come un’influenza ma per un sacco di gente è stato un inferno, ne vogliamo tenere conto?”, ha replicato la conduttrice. Allora Tuiach: “Per carità non dico tutti ma con il vaccino accade che si muore. A Trieste un uomo è morto dopo tre ore dal vaccino”. “I casi singoli non fanno statistica: sono 133.000 i morti di Covid in Italia, è un numero da guerra”, ha immediatamente risposto Merlino.

Poi gli ha domandato: “Io lo raccontavo quando gli ospedali erano zeppi (di casi Covid, ndr) e le persone di cancro non potevano curarsi. Questo è successo nel nostro Paese, per carità anche per motivi di disorganizzazione”. E poi gli ha domandato: “Scusi un’ultima cosa: ma come le è venuto in mente di fare una manifestazione contro il Green Pass mentre era in malattia? Non ha temuto per il suo lavoro?”. “Io mi sono messo in malattia dopo che ci hanno riempito di botte, sono stato 5 giorni in malattia. Sono rimasto a casa negli orari, dovevo essere regolare. Saranno state le 9 di sera, si è visto benissimo. Per ora sono licenziato, si muoveranno gli avvocati”.

Il peggio è arrivato alla fine quando Tuiach, stringendo fra le mani un rosario, ha detto: “I cattolici hanno detto che i vaccini sono stati fatto grazie ai feti dei bambini abortiti. Questo siero sperimentale è associato al satanismo, tutti i veri cattolici hanno capito questo”. Allora la conduttrice ha preferito chiudere la discussione: “Non esageriamo, siamo alla follia“. La puntata è proseguita affrontando poi altre tematiche relative all’attualità e alla politica.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Giampiero Galeazzi, è a bordo campo che dava il meglio di sé: come in un reality

next
Articolo Successivo

Chiusura Tg4, Emilio Fede su tutte le furie: “Informazione presa a calci nel sedere, state per uccidere un’istituzione. Io scendevo in piazza”

next