Sono passati esattamente cinque anni dalla morte di Vittorio Bos Andrei, in arte Cranio Randagio, il rapper noto ai più per la sua partecipazione a X Factor. L’artista è morto a 21 anni nella notte tra l’11 e il 12 novembre del 2016 durante una festa in un appartamento della Balduina (Roma). Stando ai risultati dell’autopsia sul suo cadavere, Cranio Randagio è morto a causa di un mix fatale di alcol, anfetamine e droga. Ora, il processo.

A giudizio sono finiti tre suoi amici. Come riportato da Repubblica, uno dei tre è Francesco Manente, 28 anni, accusato di detenzione di droga e morte in conseguenza di altro reato. Sarebbe stato lui ad avere portato alla festa la droga che poi avrebbe assunto Cranio Randagio. Gli altri due imputati sono Pierfrancesco Bonolis e Jaime Garcia de Vincentiis, accusati di favoreggiamento. Davanti agli inquirenti avrebbero rilasciato delle dichiarazioni false per coprire Manente. A richiedere e a ottenere il rinvio a giudizio dei tre è stata la sostituta procuratrice Maria Rosaria Guglielmi.

“Noi non sappiamo ancora che cosa è successo quella sera – ha dichiarato l’avvocato Virginia Pellegrini, che difende la mamma del rapper, Carlotta Mattiello -. Ci stiamo domandando ormai da anni che cosa è accaduto a quella festa. L’unica persona che potrebbe riferirlo con accuratezza non c’è più, e noi ora vogliamo risposte”, ha riportato Roma Today. Il nodo delle responsabilità resta una matassa da dipanare.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La Nasa si prepara a rivelare al mondo l’esistenza degli alieni: “Bisogna capire come comunicare al meglio l’esistenza di vita extraterrestre”

next
Articolo Successivo

X Factor, chi è Chiello? Tutto quello che c’è da sapere sul cantante 22enne idolo della “Generazione Z”

next