Aveva 22 anni e il suo talento aveva colpito anche Mika che nel 2015 lo aveva scelto durante le selezioni di X Factor. Vittorio Bos Andrei, 22 anni, il rapper che cantava con il nome d’arte di Cranio Randagio è stato trovato morto, nella notte tra sabato e domenica, in via Anneo Lucano, alla Balduina, in casa di un amico dopo una notte di festa. Secondo quanto riportano alcuni quotidiani l’artista, che si era da poco laureato, non si è svegliato. Gli amici lo hanno trovato privo di conoscenza: hanno cercato di rianimarlo, ma poi hanno deciso di chiamare il 118. Il personale arrivato sul posto non ha potuto fare altro che constatare la morte e chiedere l’intervento della polizia. 

Secondo gli investigatori, che stanno ascoltando in queste ore amici e altre persone presenti alla notte di festa, la causa della morte, non ancora accertata, potrebbe essere un mix di alcol e droga. A chiarire le cause del decesso sarà solo l’autopsia che sarà effettuata tra qualche giorno. Andrei stava per pubblicare il suo primo album e aveva ricevuto migliaia di commenti positivi su Facebook e YouTube per la sua esibizione al talent musicale di Sky.

 


“Quando incontri qualcuno tanto giovane, non immagini che la sua vita possa finire così presto. Il mio pensiero va alla madre e alla famiglia di Vittorio Cranio Randagio. Ricorderemo la sua grande voglia fare musica e condividere quello che sentiva” ha scritto su Twitter Mika. Solo l’autopsia ora potrà fare luce sulle cause della morte del giovane rapper. Tra le ipotesi quella di un mix di alcol e droga, consumato nel corso della festa, ma non si esclude anche la pista di un malore.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Cranio Randagio, il live al Barrio’s di Milano del rapper ventiduenne morto Roma

prev
Articolo Successivo

Aida Yespica a Verissimo. Silvia Toffanin: “Sei stata violentata?”. E la showgirl scoppia in lacrime

next